2001: buon anno a tutte le donne

Cultura - Attualità



Ancora poche ore e ci saremo lasciati alle spalle il 2000, un anno per certi versi storico, iniziato tra i timori, infondati, del Millennium Bug (e chi se lo ricorda più…) e annunciato con grandi feste e celebrazioni in tutto il mondo come l´anno di ingresso nel terzo millennio. Che quest´anno non si ripeteranno, nonostante il vero ingresso nel nuovo millennio lo si festeggi alla mezzanotte di oggi. Il primo gennaio di quest´anno, avevamo scritto di aspettarci dal 2000 molte buone cose per il mondo delle donne. E alla fine di questi 365 che sembrano davvero essere volati, ecco il bilancio di quello che è successo.

A dire la verità il nostro solito entusiasmo ci ha preso la mano. Avevamo immaginato un 2000 ricchissimo per le donne. E così è stato, ma solo in parte. Molte cose sono avvenute, dalla nuove legge sui congedi parentali all´introduzione della pillola del giorno dopo, alle prime donne soldato. Quest´anno, poi è stato anche un anno di riflessione di momenti storici dell´universo femminile: si sono festeggiati i 50 anni della pillola e del bikini e i 30 della legge sul divorzio. Ma restano molti problemi, soprattutto nei paesi più poveri del mondo, dove la condizione della donna resta altamente drammatica (basti pensare all´Afghanistan, dove vige la rigida interpretazione del Corano, con le donne completamente emarginate, od al triste fenomeno dell´infibulazione).

E´ certo comunque che il ruolo femminile nella società, purtroppo solo in quella occidentale, stia assumendo i contorni di una piccola rivoluzione. Nei luoghi del potere e nelle capitali dell´economia, il rosa comincia ad essere un colore che sale sempre più in alto. Li dimostrano i casi di Hillary Clinton, che ha ottime probabilità di diventare in un prossimo futuro, la prima presidente Usa donna, e di Fabiola Arredondo, la giovane manager spagnola diventata direttore generale di Yahoo! Europa, sezione continentale del più cliccato motore di ricerca al mondo.

Proprio Internet è stata una delle chiavi per far entrare di prepotenza le donne nel mondo del lavoro, che invece ha sempre mostrato loro le porte chiuse. Molte giovani imprenditrici, con tante idee e molta passione, hanno scelto la strada della rete con successo. Anche se il lavoro non è l´ultimo pensiero: dal sondaggio (che replichiamo anche per il 2001) che avevamo fatto ad inizio anno era al terzo posto nel vostro cassetto dei desideri, primo l´amore, poi i diritti. Quindi per l´anno nuovo rinnoviamo l´augurio, oltre a quello di Buon Anno a tutte voi da parte del team di Spaziodonna, di un 2001 pieno di felicità e amore. Auguri!




Tag:


Presente in:

Cultura - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)