Al via il festival di locarno

Cinema - Film
nuovo direttore artistico Olivier Père

nuovo direttore artistico Olivier Père

La 63esima edizione del Festival del film di Locarno, dal 4 al 14 agosto, si preannuncia sempre più internazionale, eclettica e giovane.

Il ha voluto diminuire il numero dei film presenti passando ad un totale di 290 pellicole (cortometraggi inclusi), ovvero circa cento in meno rispetto all´edizione precedente. Altra scelta importante è stata l’apertura ai giovani, sono stati infatti privilegiati i giovani artisti e le produzioni più indipendenti.

Sempre parlando di giovani, il direttore artistico ha annunciato l´introduzione del progetto pilota "Locarno Summer Academy", che ha come scopo il far emergere nuovi talenti.




onorare il debutto di giovani autori neofiti e di accogliere allo stesso tempo registi affermati

onorare il debutto di giovani autori neofiti e di accogliere allo stesso tempo registi affermati

Il Concorso internazionale propone una ventina di lungometraggi provenienti da tutto il mondo, in prima mondiale o internazionale. Una programmazione che consente di quali il francese Christophe Honoré (Homme au bain), il canadese Bruce LaBruce (LA.Zombie), per la prima volta in concorso a Locarno. La giovane attrice e cineasta francese Isild Le Besco presenta il suo terzo lungometraggio "Bas-fonds". E completano la selezione, fra gli altri, l’italiano Daniele Gaglianone (Pietro), Li Hongqi (Winter Vacation).


Il Concorso internazionale presenta inoltre alcune opere prime provenienti dalla Romania e dal Belgio. E d’ora in poi la selezione propone anche documentari.

Da segnalare nella categoria fuori concorso il ritorno del regista italiano Franco Maresco, con "Io sono Tony Scott. La storia del più grande clarinettista del Jazz".


In occasione della presentazione del suo nuovo film in Piazza Grande, Cyrus, il Festival di Locarno rende omaggio all’attore americano John C. Reilly, figura emblematica del cinema indipendente statunitense dagli anni Novanta.




Chiara Mastroianni

Chiara Mastroianni

Nel corso del festival saranno premiate personalità del cinema come l´italo-francese , lo svizzero Alain Tanner e il cinese Jia Zhang-ke e un ricordo speciale sarà dedicato al regista italiano Corso Salani recentemente scomparso.


“Il ruolo dei festival è di accompagnare il cinema, commentarlo e sostenerlo, non soltanto di esibirlo. –  commenta Olivier Père - Da tempo i grandi festival hanno abilmente assunto il ruolo di vetrine di lusso del cinema mondiale, ma tale funzione ormai non è più sufficiente. Un festival cinefilo deve acquisire una vera e propria forza di intervento sul cinema, accelerando o favorendo il riconoscimento di un regista, o la comparsa di un paese nella geografia del cinema contemporaneo”.








 




Tag:


Presente in:

Cinema - Film

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)