Alimentazione anticolesterolo

Medicina - Alimentazione
Il colesterolo

Il colesterolo
Il colesterolo è una sostanza naturale, presente nel nostro organismo, che appartiene alla categoria dei lipidi steroidei; si trova disciolto nel sangue e, non risultando solubile in acqua, deve essere necessariamente legato a proteine dette ´´di trasporto´´ che svolgono il compito di veicolarlo nel torrente circolatorio.
Si trova sotto due forme:
• Frazione LDL, è la parte di colesterolo legata a proteine di bassa densità, e rappresenta la componente dannosa del composto. La sua percentuale non dovrebbe mai superare il valore del trenta %, onde evitare possibili disturbi potenzialmente dannosi.
• Frazione HDL, è la parte di colesterolo legata a proteine ad alta densità, e rappresenta la componente utile all´organismo, la cui percentuale dovrebbe assestarsi intorno a valori compresi tra sessanta ed ottanta %.



Le funzioni del colesterolo sono molto importanti al fine del benessere dell´organismo e comprendono:
• Composizione delle membrane cellulari, delle quali è un regolatore della permeabilità
• regolazione della sintesi di ormoni steroidei, sia maschili che femminili, come ad esempio: testosterone, progesterone, estradiolo, cortisolo.
• Sintesi della vitamina D e della vitamina E.
• Sintesi dei sali biliari.



Il colesterolo non dovrebbe mai superare i valori fisiologici di duecento mg/dl di sangue, altrimenti si parla di iper colesteremia, un disturbo che può essere anche di una certa serietà.
Per evitare tale patologia, è consigliabile porre attenzione ad una alimentazione anti colesterolo, che, utilizzando alcuni specifici principi nutritivi, può essere di grande aiuto.


Le priorità dietetiche

Le priorità dietetiche
Una corretta alimentazione anti colesterolo deve presentare alcune priorità dietetiche, e precisamente:
• Diminuzione dei grassi controllata da una dieta calibrata: la percentuale di tali sostanze non dovrebbe mai superare il trenta %
• Diminuzione della concentrazione di acidi grassi saturi di origine animale, responsabili dell´incremento della frazione LDL del colesterolo ematico. Tali acidi grassi saturi sono contenuti in cibi quali: burro, uova, carni rosse, insaccati, formaggi grassi, dolciumi, che, naturalmente, vanno consumati con estrema attenzione (se non eliminati quasi totalmente)
• Aumento della concentrazione degli acidi grassi insaturi (mono insaturi e poli insaturi) di origine vegetale che svolgono il compito di diminuire la percentuale della frazione LDL del colesterolo. Tali acidi grassi insaturi sono presenti in vari alimenti, come: oli vegetali (di soya, colza, arachidi, mais, girasole, oliva), nella frutta secca, nel pesce grasso.
• Limitazione nella introduzione del colesterolo alimentare, contenuto principalmente nei grassi di origine animale
• Aumento nella concentrazione delle sostanze anti ossidanti, come: le vitamine E e C, i carotenoidi, il beta carotene, i polifenol;, tutte sostanze presenti abbondantemente nella frutta e nella verdura fresca.
• Limitazione del peso corporeo, che non dovrebbe superare il valore del così detto: ´´peso forma´´.


L´alimentazione corretta

L´alimentazione corretta
L´alimentazione anti colesterolo dovrebbe utilizzare alcuni alimenti, e precisamente:



Legumi
Si tratta di vegetali ad alto contenuto proteico che favoriscono la eliminazione del colesterolo in eccesso e contemporaneamente ne limitano sia la sintesi che l´assorbimento.
Sono: fagioli, piselli, ceci, lenticchie, fave, ecc. ecc.
Si è visto che duecento grammi di fagioli al giorno sono in grado di diminuire del quindici % la concentrazione ematica di colesterolo.



Cereali
Essendo alimenti molto ricchi di fibre, facilitano la eliminazione del colesterolo in eccesso, favorendo anche il corretto svolgimento della funzione intestinale (diminuiscono il tempo di transito degli alimenti nel canale digerente).



Verdure fresche
Principalmente sono consigliate: melanzane, carote, bietola, pomodori, estremamente ricche di sostanze anti ossidanti e depurative.



Frutta fresca
Quasi tutte le varietà di frutta sono consigliabili, ma particolarmente indicate risultano essere: uva, fragole, mele e agrumi che, nella pellicola bianca che circonda il frutto, contengono sostanze che abbassano la concentrazione del colesterolo fino al dieci o trenta per cento.



Frutta secca
Soprattutto le noci sono indicate in una dieta anti colesterolo in quanto agiscono diminuendone la dannosa frazione LDL.



Salmone
Insieme ad altri pesci grassi agisce contenendo i valori della frazione LDL del colesterolo, in quanto sostituisce i grassi saturi introdotti con la dieta con quelli insaturi contenuti nelle sue carni.
Inoltre, contenendo alte percentuali di ´´omega 3´´, agisce provocando una marcata diminuzione di LDL e di trigliceridi assorbiti.

Fibre
Le fibre, ed in particolare la pectina, contenute in tutti gli alimenti integrali e non raffinati, agiscono attivamente sulla frazione LDL, mantenendone i valori entro limiti fisiologici.



Avena
Un discorso a parte, nella dieta anti colesterolo, merita l´avena.
In particolare la crusca di avena, sostanza di aspetto simile al semolino, agisce efficacemente nella normalizzazione del livello di colesterolo ematico, e, per questo motivo, viene considerata un potente alleato alimentare nelle diete di questo tipo.



Tag:


Presente in:

Medicina - Alimentazione

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)