Appuntamento su discovery channel per tutti gli appassionati di videogames.

Cinema - Telefilm



A partire da domenica 10 giugno è iniziato su Discovery Channel l’originale serie Storia del videogame. Un programma che si prefigge di esaminare il passato, presente e futuro dei videogiochi e dei suoi giocatori.


Dal rudimentale Pong ai giochi virtuali elaborati al computer, le persone, le idee e la tecnologia dietro i videogiochi si sono evoluti a tal punto da trasformare quello che una volta era una semplice distrazione dal mondo reale, ad un vero e proprio mondo a parte. I pionieri visionari del regno elettronico hanno dato vita ad una cultura e ad una infrastruttura che si appresta a diventare sempre di più una parte integrante della nostra vita quotidiana. Sin dall’inizio, i videogiochi hanno rappresentato una forma di intrattenimento e un corollario della nostra società che riflette i valori sociali e il clima culturale del momento. Oggi, nel mondo dei giochi, gli unici limiti sono l’immaginazione del giocatore e l’ingegnosità del programmatore. Infatti, in tutti questi anni, solo una cosa non è cambiata … i videogiochi sono estremamente divertenti e coinvolgenti!


La prima puntata della trasmissione, andata in onda ieri sera, ha puntato i riflettori sui primissimi videogiochi, dotati di un’interfaccia molto semplice, ma ben presto diventati dei successi planetari. Stiamo parlando di Pong, Pac Man e Space Invaders, che hanno saputo conquistare tutto il mondo dell’intrattenimento.



GUARDA LO SPOT DEL PROGRAMMA
type=application/x-shockwave-flash pluginspage=http://www.macromedia.com/go/getflashplayer
flashvars=file=http://www.spaziodonna.com/videos/videogame.flv&showdigits=false&showicons=false&autostart=false&showfsbutton=true&repeat=false&image=http://www.spaziodonna.com/videos/img11.jpg/>



Le altre puntate sono in programma per domenica 17 giugno (dedicata all’ascesa di Supermario), domenica 24 giugno (sulla generazione dei videogiochi in 3D), domenica 1 luglio (dedicata ai cosiddetti god games come SimCity e Civilization, che simulano interi mondi) e domenica 8 luglio. Nell’ultimo episodio si parlerà del processore Emotion Engine (letteralmente “motore dei sentimenti”) della PlayStation 2, con cui gli autori dei giochi hanno acquisito la tecnologia per sviluppare storie complesse e toccanti, in grado di colpire dritti al cuore. Con l’avvento dei giochi virtuali online si è aggiunto al gioco una nuova dimensione emotiva, consentendo ai giocatori di creare dei legami reali (compreso il matrimonio) attraverso un gioco virtuale che li aiuta a fuggire da un mondo dominato da violenza e terrore. Cosa possono dirci questi giochi di mondi virtuali sulla nostra vita nel XXI secolo? Inoltre, la possibilità di creare storie complesse ha consentito a registi famosi come Steven Spielberg e Peter Jackson di cimentarsi nel mondo dei videogiochi. Era scritto da tempo: i videogiochi erano sul punto di diventare la forma di intrattenimento dominante.


Tag:


Presente in:

Cinema - Telefilm

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)