Bambini: le caramelle di ferrara.

Viaggi - Viaggi per bambini



Il paradiso dei bambini si trova in Emilia-Romagna. E’ lei, infatti, la regione italiana più attenta alle esigenze dei più piccoli e l’ultimo dato di attestazione arriva da “Ecosistema bambino 2005” , il cui dossier relativo dell’ottava edizione è stato appena pubblicato da Legambiente. Così al successo dell’Asilo Diana di Reggio Emilia, considerato il migliore del mondo (il cui metodo è stato addirittura adottato dal governo svedese per tutti gli asili del paese), si affianca quello di Ferrara, eletta con dieci caramelle (per le opportunità di partecipazione dei giovani) e tredici cioccolatini (per la qualità ambientale) la miglior città italiana “a misura di bambino”.



Ma non solo, tra le prime cinque della classifica stilata dall’associazione ambientalista, c’è anche Ravenna, al quarto posto, e tutte ben piazzate sono anche le altre città della regione. Il “top”, comunque, lo conquista Ferrara, per aver messo a punto una serie di iniziative e occasioni di incontro e socializzazione per gli under 14, coordinate dall’Ufficio Città Bambina. Si tratta di una sorta di “mini-consiglio comunale”, con un proprio budget da destinare a progetti di aree verdi, percorsi sicuri casa-scuola e zone della città a misura di bambino, creati con la collaborazione di tecnici esperti. Unico neo della città emiliana i mezzi di trasporto, che le valgono due pezzetti di carbone.



Le altre “magnifiche cinque” di Ecosistema bambino sono Pesaro (7 caramelle per il suo Comitato dei bambini e 5 per le aree verdi), Firenze (6 caramelle per i molti progetti partecipati e 9 cioccolatini grazie alle estese zone a traffico limitato), Ravenna (5 caramelle per essersi dotata di una consulta dei ragazzi e delle ragazze e 7 cioccolatini per il buon numero di piste ciclabili) e soprattutto la sorpresa Caltanisetta, unica città del sud ad emergere in classifica con 4 caramelle per aver istituito un consiglio dei ragazzi ma anche per l’organizzazione di mostre, per il giornalino dei giovani e la creazione di punti informativi (carbone, invece, per la qualità ambientale).



Altro risultato significativo del sondaggio è la buona presenza delle metropoli, solitamente scarse di iniziative a favore dei giovani, nei posti alti di classifica. Torino è sesta e prima della seconda fascia quella riservata ai “buoni”, grazie alla creazione di un osservatorio cittadino sui minori, Genova ottava, Roma decima. Nella fascia dei “discreti” troviamo invece Napoli (18ima), mentre Milano è l’unico grande centro presente nella classifica degli insufficenti, confermando lo scarso appeal della città verso i più giovani.



Un panorama generale tutto sommato positivo, anche se le incognite per il futuro non mancano. Secondo Legambiente, infatti, i tagli previsti dal Governo alla legge Turco sui diritti all’infanzia produrranno un aumento considerevole del divario tra Nord e Sud, e con un budget sempre più carente, molti comuni rischiano di non poter più finanziare progetti ed iniziative rivolte ai ragazzi.




Tag:


Presente in:

Viaggi - Viaggi per bambini

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)