Bellezza: generazioni e confronto.

Bellezza - Benessere



Donne che cambiano. In 50 anni hanno perso una taglia, sono più alte e sinuose. Insomma, dei veri schianti. Lo dice uno studio sulla bellezza femminile realizzata da Metis-Ricerche e commissionato dalla multinazionale Dove, che ha fatto i conti delle misure (peso, altezza, vita e fianchi) di uomini e donne dai 18 agli oltre 75 anni, prendendo in considerazione anche il titolo di studio, confrontandoli con gli stessi dati risalenti a mezzo secolo fa. E le sorprese non sono mancate.



Due i dati presi in considerazione: il celebre indice di massa corporea (Imc, ovvero peso in chili diviso il quadrato dell’altezza) e il rapporto vita-fianchi (in sigla, Whr). Nel primo caso le donne si sono dimostrate sei volte più sottopeso degli uomini, soprattutto nella fascia d’età 18-24 anni, dove le sottopeso sono il 17% contro solo il 3% degli uomini. Un dato legato anche al titolo di studio (tra i 18 e i 34 anni il 15% delle laureate o diplomate è sottopeso, contro il 6,5% di quante hanno la sola licenza elementare) che porta alla mente il fenomeno dell’anoressia, soprattutto tra le più giovani. Nonostante questo, una grande maggioranza di italiane, circa un terzo del totale, risulta sovrappeso o obesa, soprattutto dopo i 40 anni.



Ma quello che è più notevole è stato il cambiamento rilevato nel fisico delle donne. Ecco qualche esempio: se le ventenni prima del 1964 a avevano un rapporto vita/fianchi di 0,76 e un Img di 20,48 (l’Organizzazione mondiale della sanità fissa i valori normali al di sotto dello 0,85 nel primo dato e tra i 18,5 e i 25 nel secondo), le pari età del ventennio 1965-1984 erano scese rispettivamente ai valori di 0,75 e 20,2, mentre tra il 1985 ed il 2004 i valori sono scesi ancora per il rapporti vita/fianchi a 0,72 mentre è leggermente salito l’Img a 20,3. In altre parole, se la taglia media delle ventenni di cinquant’anni fa era di 43,62 oggi è di 42,48, praticamente una misura in meno.



Il nuovo corpo femminile è cambiato, parrebbe, in meglio. Ha guadagnato in altezza (162,63 centimetri di media contro i 159,78 del 1961), ha vita più stretti e fianchi con più curve, diciamo modello Jennifer Lopez. Un corpo sicuramente più femminile, come spiega Flavio Bonifacio, direttore di Metis-Ricerche, l’istituto che ha firmato lo studio intitolato “Fisico delle donne tra realtà e immagine”, “ben diverso dall’immagine proposta a livello internazionale di donna androgina”. Ma c’è da dire che oggi, vuoi per una diversa impostazione mentale vuoi per nuovi valori socio-culturali, c’è una maggior attenzione alla linea ed al benessere fisico. Negli anni Sessanta la percentuale di ventenni che andavano regolarmente in palestra era di gran lunga inferiore ad oggi. Sena dimenticare le possibilità offerte dalla chirurgia estetica.


Tag:


Presente in:

Bellezza - Benessere

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)