Bellezza: la chirurgia estetica diventa naturale

Bellezza - Chirurgia



Basta con superseni al silicone e lifting estremi. La chirurgia estetica cambia registro e punta su interventi sempre più perfezionati e, soprattutto, sicuri, usando sostanze naturali. Il punto della situazione sulle nuove frontiere della chirurgia estetica è stato tracciato agli ultimi due congressi organizzati a Roma dalla Società italiana di chirurgia plastica e dalla Società europea di chirurgia plastica e ricostruttiva.




Il mercato degli interventi estetici, del resto, è sempre più ampio ed esigente. Vi ricorrono 500 mila clienti all´anno, tra cui molte giovanissime ma sono in forte aumento anche gli uomini. Ma le nuove tecniche potranno essere utili non solo per chi vuole cambiare in meglio il suo aspetto, ma anche per chi ha subito traumi o incidenti. Il sistema più innovativo è quello chiamato dell´ingegneria dei tessuti avanzata, grazie al quale i tessuti da innestare vengono coltivati in laboratorio con cellule prelevate direttamente dal paziente, sviluppate in supporti di acido ialuronico.



Così è possibile ottenere veri e propri pezzetti di ricambio di vari organi, come naso, anca, mani, orecchie e dita. Per ora si riescono ad ottenere solo piccole quantità per attuare modifiche leggere, ma la strada è tracciata. Scompariranno anche le cicatrici, grazie alla tecnica di compressione con lamine di cortisone o al metodo endermatologie, che utilizza macchine in grado di effettuare massaggi sofisticati, limando la pelle e rivascolarizzandola.




Anche il silicone, il materiale più utilizzato da 30 anni a questa parte per protesi molli (come quelle al seno) è più sicuro di una volta. Il rischio di effetti collaterali - fibromi, infiammazioni - è sceso drasticamente grazie all´uso di molecole biocompatibili e all´avvolgimento delle protesi con una pellicola intelligente, a base di una sostanza derivata dall´acido ialuronico.




Anche per i lifting si stanno sperimentando metodi dolci, che sposano la chirurgia alla biotecnica. L´ultima generazione di Filler o Riempitivi ha come obbiettivo quello di promuovere la crescita di sostanza fibrosa in quantità sufficiente a riempire la depressione creatasi, ad esempio, a seguito di una ruga. Ancora più sicuro del filler è il Lipofilling, che prevede il riempimento delle rughe, tramite delle piccole cannule di nuova concezione, con il grasso prelevato da punti ove se ne può trovare in abbondanza.



Tag:


Presente in:

Bellezza - Chirurgia

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)