Bellezza: passione bionda

Bellezza - Capelli



Adorate, tanto da dedicargli mostre e libri, e odiate da pronosticargli persino l’estinzione. Passano i tempi ma il fascino delle bionde pare resistere inalterato, nel bene e nel male. Nonostante le naturali siano in effetti sempre meno (secondo le statistiche il 40 per cento dei capelli biondi sono falsi). Se il dibattito bionde contro brune resta aperto, è indiscutibile che, almeno gli uomini, continuino davvero a preferire le prime.




Secondo il 27 per cento, indipendentemente che siano naturali o meno, le bionde sono sicuramente più sexy. Ed il 40 per cento le preferisce, chissà perché, al supermercato, dietro la cassa. Inoltre le cameriere e le bariste coi capelli lunghi e biondi guadagnano in mance il 20 per cento in più rispetto alle loro colleghe brune. Fatto sta che le bionde continuano ad andare forte anche il tivù, dove il 64 per cento sfoggia il capello color platino. Un concetto sicuramente non nuovo: nell’antichità, come racconta Plinio, le schiave coi capelli chiari valevano addirittura il doppio delle brune.



Qualche tempo fa c’è stato chi ha tentato di screditarle, immaginando per loro un futuro cupo. Sui giornali di tutto il mondo era infatti apparsa la notizia che, secondo una ricerca dell’Organizzazione mondiale della sanità, gli uomini e le donne dai capelli chiari stavano diminuendo di numero progressivamente. Di più, entro due secoli, sarebbero del tutto scomparsi da questo pianeta. Colpa, si diceva, di un gene recessivo, responsabile del colore biondo dei capelli, che per renderli tali deve essere presente addirittura in tutti e quattro i nonni, cosa sempre più rara. Per fortuna, si è scoperto dopo, la notizia era una clamorosa “bufala” , partita da chissà chi e circolata come un fulmine nell’era telematica in cui le informazioni viaggiano, senza controllo alcuno, più veloci della luce.




A riportare pace nell’ambiente ci hanno pensato due prestigiosi musei londinesi, che al fenomeno bionde hanno dedicato due mostre. Il primo è la National Portrait Gallery, che sino al 6 luglio ospita “British Blondes”, una carrellata fotografica delle più celebri bionde della terra d’Albione, da Twiggy a Diana, passando per Margaret Thatcher. Chiuderà invece il 26 aprile “Blondes Have More Fun”, altra mostra fotografica ospitata dalla Getty Images Gallery. Per chi non ha tempo di fare un salto a Londra consigliamo di comperarsi, magari in rete, “On Blondes” (Ed. Bloomsbury), libro-celebrazione scritto dalla storica dell’arte e della fotografia Joanna Pitman, che ripercorre miti e realtà delle bionde, dall’antichità sino ad oggi. Con buona pace delle brune.



Tag:


Presente in:

Bellezza - Capelli

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)