Benessere: camminate anti infarto

Bellezza - Benessere



Due ore e mezza di camminata a settimana ed il cuore ne guadagna. Una precisa correlazione tra movimento fisico e la circolazione cardiaca è stato scoperto da una ricerca effettuata dal Brigham and Women’s Hospital di Boston e pubblicato dalla rivista medica New England Journal of Medicine. Che, non solo rinnova l’allarme contro la troppa sedentarietà, ma, per la prima volta limitandosi all’universo femminile, evidenza come allontanare il rischio infarto.



Lo studio ha monitorato per sei anni l’attività fisica e lo stato di salute di 74 mila donne americane, le quali quando il lavoro scientifico è cominciato avevano tra i 50 e i 79 anni. E dalla gran mole di dati ricavati ha stabilito una sorta di “codice” di comportamento anti pigrizia. In sintesi, stare seduti ogni giorno per 15 ore è, da solo, un fattore di rischio importante per l’infarto o l’ictus.



Per ridurre di molto questo rischio è necessario muoversi. Sia camminare, per almeno due ore e mezzo la settimana, ma anche praticare esercizi più faticosi e dispendiosi per lo stesso lasso di tempo. I ricercatori hanno scoperto che prendendo questa buona abitudine si riduce il pericolo di cardiopatie e di ictus di una buona fetta, pari circa ad un terzo. Non è quindi necessario massacrarsi in palestra per raggiungere un buon grado di benessere. Il tipo di attività, infatti, è indipendente dal risultato: una semplice passeggiata ha lo stesso valore di una corsa.




“I grossi numeri della ricerca e il modo in cui è stata realizzata ne garantiscono la validità – è il commento di Edoardo Gronda, primario di cardiologia all’Istituto Humanitas di Milano -. Il messaggio è importante soprattutto sotto il profilo culturale. Se è vero, infatti, che la popolazione fra i 40 e i 50 anni è cosciente dell’importanza di un certo stile di vita per mantenersi sani, le persone che oggi ne hanno 60 o 70 non si rendono conto di quanto l’immobilità sia nociva. Le donne ancora meno degli uomini.



Ai consigli dello studio americano, comunque, si possono tranquillamente affiancare anche quelli pubblicati nel nuovo rapporto della National Academy of Science. Che suggerisce sia nuove linee guida alimentari (riduzione di macronutrienti come proteine, grassi e carboidrati) che inviti al movimento necessario per mantenersi in buona salute. Si dovrebbe passare almeno un’ora al giorno camminando a passo svelto ,nuotando o andando in bicicletta, una quantità di tempo raddoppiata rispetto all’ultimo rapporto, datato 1996. Difficile accontentarli? In realtà basta un po’ di buona volontà.




Tag:


Presente in:

Bellezza - Benessere

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)