Benessere: e… state in forma

Bellezza - Dieta



Certo, la forma sarebbe giusto ottenerla prima dell’estate. Ma mantenerla anche durante le vacanze non è un’idea da buttare. Del resto, spiaggia e piscina sono luoghi ideali per praticare dell’attività fisica divertente e “rinfrescante”. “Le attività sportive che si praticano sulla spiaggia – spiega Sergio Lupo, dirigente medico dell’Istituto di Scienza dello sport del Coni – sono un vero toccasana per il fisico, perché da un lato si svolgono in un ambiente, quello marino, privo di allergeni, ricco di ossigeno e poco inquinato; dall’altro consentono di sfruttare le caratteristiche del terreno su cui si praticano, la sabbia, per potenziare la forza ed il tono dei muscoli, la coordinazione neuromuscolare e la propriocettività, vale a dire la capacità di compensare in fetta ogni variazione di equilibrio”. Ecco qualcuna delle ultime tendenze e delle novità dell’anno, a portata di ombrellone.



Se il beach volley è ormai una realtà consolidata, più recente, ed anche meno impegnativo (non serve la rete) è il beach soccer, simile al calcetto e importato dal Sudamerica nel ’96. E’ molto impegnativo, perché ogni azione deve vincere la resistenza opposta della sabbia, e richiede un super lavoro muscolare di tipo anaerobico. Sollecita l’apparato cardio-respiratorio e accresce forza e tono dei muscoli “bruciando” il grasso. Una via di mezzo tra beach volley e beach soccer, è il foot volley, una sorta di pallavolo giocata con i piedi, che impegna, oltre alle gambe, anche schiena e addome.




Più classico è il beach tennis, che può essere praticato in spiaggia e anche in acqua, con un racchettone di legno lungo al massimo 55 centimetri e largo 30. Segue le stesse regole del tennis a differenza che la pallina non deve mai toccare terra. Sollecita sia il lavoro del braccio che delle gambe, soprattutto nei glutei, quadricipiti e muscoli interni ed esterni della coscia. Per i più spericolati c’è invece il kite surf, disciplina sportiva nata alle Hawaii che utilizza una tavola da surf trainata da un grosso aquilone al posto della vela. Molto spettacolare, deve comunque essere praticato sotto la guida di un istruttore.




Per chi preferisce la tranquillità del fitness, in piscina o in palestra, c’è l’hydrospinning, il classico spinning a ritmo di musica ma praticato con speciali biciclette disposte sul fondo di una piscina. Migliora il tono muscolare, dà una maggiore efficienza cardiovascolare e, grazie al contatto con l’acqua, contrasta la formazione di acido lattico e combatte la cellulite. Altra novità estiva è l’acquatone, che combina esercizi di tonificazione all’asciutto eseguiti con l’ausilio di attrezzi molto semplici, con il nuoto. Praticato due volte la settimana, garantisce buoni risultati estetici.



Tag:


Presente in:

Bellezza - Dieta

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)