Cani: arriva l´educatore

Società - Famiglia



Il vostro cane è maleducato? Sporca, morde,
disturba i vicini? Scappa appena accennate a riportarlo a casa terminata la
passeggiata? D’ora in poi potrete contare su una figura che vi aiuterà
ad addomesticare il vostro amico a quattro zampe. Si chiama educatore cinofilo
ed ha il compito rieducare Fido seguendo in modo dolce. Parola d’ordine:
uno scappellotto al cane lo si può dare, ma se ne può anche fare
a meno. E come accade spesso si scopre che se il cane non è educato è
colpa del padrone. Spesso abituato, sbagliando, ad umanizzare l’animale,
scordandosi che è pur sempre un parente del lupo.


E’ quello che sostiene l’etologo all’Università
di Venezia Danilo Mainardi: “Il cane va trattato da cane, che non
vuol dire male, ma secondo le sue attese. E’ un animale gerarchizzato
e quindi il suo padrone deve assumere una posizione dominante e fargliela sentire,
con dolcezza e fermezza al tempo stesso”. Cosa fare dunque per dare
a Fido ciò che è di Fido? Franco Scarsella e Riccardo Totino,
due educatori cinofili, ci spiegano che è più semplice spiegare
cosa è meglio non fare. Dice Totino: “Se il cane scappa quando lo
chiamiamo non inseguiamolo o penserà di essere lui il capobranco e continuerà
a correre”. Invece dev’essere il padrone a farsi seguire, comportandosi
da capo
.


Ancora: uscendo dal portone precedete sempre il vostro
cane. In caso contrario abbaierà al primo segnale di pericolo, avendo
in testa di dovervi difendere. Se impara ad uscire al nostro ordine e dopo di
noi, vedendoci sani e salvi non abbaierà. Altro consiglio: non
fatevi mai mordere le mani nemmeno da un cucciolo. Deve imparare da subito che
il corpo umano è tabù. Se mordicchia bloccategli le fauci
e, dopo che ha uggiolato, offrirgli la mano. Per evitare che distrugga il divano
in vostra assenza, abituatelo all’idea di non vedervi. Mezz´ora prima di
uscire ignoratelo: soffrirà meno il distacco. Infine oscurate le barriere.
I cani abbaiano spesso per frustrazione, soprattutto quando attraverso
vetri e reti vedono passare figure che non possono raggiungere.



Se sporca in casa invece dovrete sorvegliarlo 24 ore su
24. Portatelo fuori ogni ora e mezzo, dopo che ha giocato, mangiato,
bevuto e dormito. E se lo cogliete in flagrante non punitelo: non servirebbe.
Piuttosto interrompetelo portandolo in un luogo dove può sporcare. E
non scordatevi mai, come dice anche la pubblicità, chi lo abbandona
è un bastardo
. E tu, come educhi il tuo amico a quattro zampe? Secondo
rigidi schemi tradizionali o con un’educazione dolce? Se hai qualche opinione
in proposito rispondi al nostro sondaggio di oggi, oppure scrivici nella message
board.




Tag:


Presente in:

Società - Famiglia

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)