Casa

Società - Casa



Quando si parla di orientamento della casa s’intende il punto cardinale verso cui è rivolta una facciata di riferimento.
Le facciate rivolte verso sud sono quelle che ricevono un maggior irraggiamento e perciò sono caratterizzate da un buon guadagno termico; quelle verso nord ricevono un minimo irraggiamento, sono esposte a venti freddi e quindi sono più inclini a disperdere energia termica. Una buona esposizione dei locali è importante per il risparmio energetico: minori spese di riscaldamento e illuminazione. Dal punto di vista bioclimatico l’orientamento della casa ideale si ottiene tracciandone in pianta l’asse principale in direzione est-ovest: l’asse divide da una parte la zona giorno rivolta a sud, in genere corrispondente con la facciata principale della casa, e dall’altra la zona notte spesso corrispondente col retro. L’ideale sarebbe che tutte le stanze ricevessero, almeno per qualche ora, un po’ di luce solare diretta.
Le radiazioni solari contribuiscono a risanare l’aria della nostra casa e sono anche benefiche a livello energetico sul nostro organismo: basta pensare ad esempio alla sensazione gradevole che si prova il mattino, quando i raggi del sole filtrano delicati dalla finestra della camera da letto. Se possibile, una strategia importante da adottare è garantire una buona dose di aperture su due facciate contrapposte, in modo tale da favorire la ventilazione, apprezzata soprattutto nei periodi o nei luoghi caratterizzati da un clima caldo-umido.
Nella nostra rubrica dedicata alla casa tratteremo tutte le principali problematiche e curiosità utili a chi ha a che fare con una casa: a chi si appresta ad acquistarne una o a chi ce l’ha già e ci vive tutti i giorni. Norme, leggi, tendenze di arredo: seguici per scoprire come vivere al meglio la tua casa!


Tag:


Presente in:

Società - Casa

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)