Casalinghe: in arrivo le prime forme di tutela

Cultura - Attualità



Dopo quasi vent´anni di discussioni finalmente ci siamo. Dal marzo 2001 anche le casalinghe avranno la loro polizza assicurativa. Si tratta della prima effettiva iniziativa per il riconoscimento del lavoro anche di chi resta a casa (donne, ma sempre più spesso anche uomini). Un ben regalo per quelle 7 milioni di persone in Italia, che, anche se a qualcuno potrebbe non sembrare, rischiano davvero.

Questi i dati, davvero impressionanti: 3 milioni di infortuni con oltre 300 mila ricoveri e 8.400 morti. la lunga corsa per proteggere anche le donne che lavarono a casa nasce nel 1982, su spinta della allora neonata Federcasalinghe. A più di 18 anni finalmente dieci giorni fa il ministro delle Finanze Ottaviano Del Turco ha firmato l´ultimo decreto attuativo della legge, che stabilisce l´obbligo di copertura assicurativa contro gli incidenti domestici. Con 25.000 lire l´anno le persone di età compresa fra 18 e 65 anni che lavorano in casa a tempo pieno, indipendentemente dal sesso e dal tipo di unione familiare, avranno un´assicurazione che pagherà tutte le inabilità permanenti superiori al 33%.

Requisiti indispensabili per avere diritto all´assicurazione sono quelli di svolgere non in via occasionale, ma in via esclusiva, l´attività domestica. Sono escluse, dunque, sia le persone che svolgono anche attività professionali fuori casa, sia le colf che svolgono i lavori domestici presso altre famiglie. L´assicurazione riguarda solo chi si occupa della propria casa.

Ma non basta, In cantiere c´è anche la pensione integrativa che le casalinghe potranno ottenere anche grazie a buoni sconto della spesa. Il primo fondo pensione in Italia aperto anche alle casalinghe ha ottenuto, infatti, nei giorni scorsi il via libera dalla Commissione di vigilanza per i fondi pensione. Le casalinghe potranno persino far confluire nella previdenza complementare gli sconti fatti dai negozi nonché le contribuzioni saltuarie (fino a 70 mila lire al mese).

E voi, che ne pensate? Secondo voi lo Stato garantisce in modo giusto il lavoro delle casalinghe? Rispondete al nostro sondaggio o dateci un parere in message board.



Tag:


Presente in:

Cultura - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)