Cci fotografa le abitudini nello shopping: l’italia preferisce i piccoli negozi.

Cultura - Attualità



Dove andiamo a fare shopping? Con la ricerca Global Lifestyle Monitor, Cotton Council International mette a confronto le abitudini e le preferenze nell’acquisto di capi d’abbigliamento e di biancheria per la casa nei vari paesi del mondo.


Scopriamo così che, mentre in America Latina si preferiscono le catene e i grandi magazzini, in Europa siamo più propensi ai piccoli negozi. Noi Italiani, in particolare, amiamo fare acuisti innanzitutto nei piccoli negozi (70per cento), in catene e negozi specializzati (40 per cento), nei grandi magazzini (34 per cento), presso i mercati (30 per cento) e gli ipermercati (27 per cento). Diminuiscono invece gli acquisti negli outlet/stock house dove fa shopping solo il 23 per cento dei nostri connazionali. In Asia, al contrario, non si segnala una particolare preferenza ma si equivalgono i diversi canali distributivi, dal grande magazzino al bazar in strada.


Rispetto all’acquisto di abiti, le interviste mettono in luce come i consumatori preferiscano comprare la biancheria per la casa negli ipermercati, grandi magazzini e catene. Fa eccezione l’India che ama i piccoli negozi anche per questo genere di capi.


In quasi tutti i paesi sono apprezzate la varietà di prodotti disponibili nei negozi e i prezzi ragionevoli: queste sono, nell’ordine, le qualità che spingono i consumatori a preferire un punto vendita anziché un altro. A seguire contano il design, la qualità e la facilità d’acquisto dei prodotti.


I consumatori europei, specialmente italiani e inglesi, sono quelli che amano di più fare shopping, acquistando abiti almeno una volta al mese. L’Europa e il Giappone, invece, registrano la più alta percentuale di denaro speso in abiti. Negli ultimi tre mesi in Italia sono stati spesi 409 dollari a persona, in Germania 333, in Giappone 303, in UK 230, contro i 47 dell’ India e i 61 della Tailandia. In Brasile, Cina e Colombia, la spesa oscilla tra i 140 e 180 dollari. Se confrontiamo i dati attuali con quelli del 2003, scopriamo però che gli Europei sono sempre meno propensi all’acquisto di abiti mentre la spesa in abbigliamento dei Sudamericani è in crescita costante.


Cosa influenza le scelte dei consumatori? La maggior parte degli intervistati ha dichiarato di trarre ispirazione da ciò che trova nei negozi o che vede nelle vetrine (70 per cento). L’82 per cento del campione si lascia invece guidare dal proprio gusto personale. I media influenzano le scelte dei consumatori soprattutto in UK, Germania e Giappone, mentre in India è molto forte l’influenza di amici e colleghi.


In tutti i Paesi, poi, c’è accordo sulle caratteristiche da tenere maggiormente in considerazione nell’acquisto di abiti. Al primo posto la qualità, seguita dal colore, dalla finitura, dallo stile e dal prezzo. Il 45 per cento dei consumatori guarda le istruzioni di lavaggio prima di comprare e gli asiatici risultano essere i consumatori più sensibili a questo tema.


Nei confronti delle fibre, i consumatori dei diversi paesi hanno un atteggiamento piuttosto simile: i tessuti sintetici, soprattutto il poliestere, sono poco amati in quasi tutte le zone prese in considerazione dalla ricerca. I dati più rilevanti riguardano l’India, dove i tessuti non naturali vengono evitati (primo tra tutti il nylon), seguito dal poliestere e dai sintetici) e la Tailandia, dove il 57 per cento degli intervistati non ama la lana. In tutti i paesi, è invece molto bassa o nulla la percentuale di persone che non apprezzano il cotone.


Quest’ultimo è particolarmente apprezzato per le sue qualità caratterizzanti: traspirabilità, morbidezza, confort e qualità. Ma molto forte è anche il richiamo alla tradizione che la fibra di cotone ispira alla maggior parte degli intervistati.


E i tessuti sintetici? La connotazione negativa più ricorrente di Stretch e Lycra è la mancanza di confort. L’elasticizzato comunque piace: in quasi tutti i paesi, ad esclusione di Cina, India e UK, è un fattore determinante che gli abiti in denim contengano tessuto stretch.


Tag:


Presente in:

Cultura - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)