Cinema all’aperto

Cinema - Eventi
Delphine Seyrig e Claudia Cardinale. Un incontro fra due donne

Delphine Seyrig e Claudia Cardinale. Un incontro fra due donne

Quest’estate l’Accademia di Francia a Roma apre i giardini di Villa Medici per la quarta edizione del cinema sotto le stelle. Dieci film rendono omaggio a due straordinarie attrici, , l’una di origini libanesi e l’altra tunisine, che hanno regalato al cinema italiano e al cinema francese una nuova bellezza sospesa tra il glamour e la femminilità ammaliante, magica, quasi eterna. Due stelle che attraverso i capolavori di Resnais, Monicelli, Truffaut, Zurlini hanno fatto brillare il più bel cinema degli anni ’70.




Delphine Seyrig,

Delphine Seyrig,

musa ispiratrice di Alain Resnais, Marguerite Duras, François Truffaut si impone sulla scena internazionale nel 1961 quando Resnais la scrittura in L’anno scorso a Marienbad, film di grande successo che, contro ogni aspettativa della critica, segnò l’inizio di una luminosa carriera.

L’immagine seducente e la bellezza quasi surreale della protagonista, avvolta da un vestito di piume, è fissata nei lunghi travelling nei corridoi deserti del palazzo abbandonato di Marienbad.Una bellezza misteriosa, protagonista nei Baci rubati, Il fascino discreto della borghesia o ancora India Song, capolavoro di Marguerite Duras.




Claudia Cardinale

Claudia Cardinale

Negli stessi anni, , avvicinatasi al cinema per caso, apparirà sulla scena italiana ne I soliti ignoti di Mario Monicelli. Una bellezza spontanea, verace che trova il suo più nobile compimento nel ruolo della giovane Angelica ne Il Gattopardo, capolavoro indiscusso di Luchino Visconti. Sin dai suoi esordi con Monicelli, fino ai suoi film più recenti, passando per Visconti, Comencini, Ferreri, Verneuil, ha illuminato il cinema italiano con la sua bellezza radiosa e i suoi personaggi indimenticabili.








Tutte le immagini che abitano il cinema delle due attrici, dal fantasma vestito di piume di Marienbad, alla bellezza ideale di Angelica ne Il Gattopardo, al fascino discreto della Sig.ra Thevenot nel film di Buñuel e di Aichè ne L’udienza, sono protagoniste di questo omaggio che coglie e unisce i riflessi di due grandi stelle.








 


 




Tag:


Presente in:

Cinema - Eventi

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)