Consumatori: consigli per gli acquisti online

Cultura - Attualità



Gli acquisti online sono comodi, divertenti, veloci. Ma sono sempre sicuri? Il commercio elettronico (e-commerce) sembra infatti meno controllato rispetto alle altre forme di vendita. In realtà è regolato da norme ben precise: il 19 ottobre scorso è entrato in vigore il Decreto Legislativo 185/99, che ha recepito la Direttiva Comunitaria n. 97/7 relativa ai contratti di vendita a distanza.

L´e-commerce, infatti, si basa su contratti a distanza, esattamente come le televendite o le vendite per corrispondenza. Gli ordini vengono fatti tramite e-mail, oppure compilando un contratto predisposto dal venditore e compreso nel sito web. Inutile dire che è buona norma leggere attentamente tutte le clausole prima della sottoscrizione. Non tutti sanno, invece, che il venditore è obbligato a consegnare l´articolo entro 30 giorni dall´ordine. Trascorso questo tempo, il consumatore che non avesse più interesse ad ottenere la prestazione ha il diritto di venire integralmente rimborsato della somma eventualmente già pagata.

Inoltre, anche il consumatore online ha sempre il diritto di recesso, e può restituire l´articolo ricevuto senza dover fornire alcuna motivazione. Questo diritto può essere esercitato entro e non oltre 10 giorni lavorativi dalla consegna o dalla sottoscrizione del contratto. Il venditore è tenuto ad informare il consumatore di questo suo diritto. Se non lo fa, il diritto di recesso può essere esteso fino a 90 giorni. Il consumatore dovrebbe inoltre avere la facoltà di scegliere la modalità con cui effettuare il pagamento (carta di credito, bonifico bancario o assegno postale).

Queste sono solo alcune norme che è bene conoscere e seguire prima di effettuare un acquisto online. Ma sapevate, ad esempio, che esistono carte di credito prepagate e anonime, decisamente più sicure di quelle tradizionali? O che il diritto di recesso non viene applicato se si fa un acquisto da un sito inglese? Come si fa ad avere tutte le informazioni necessarie, e se si prende una fregatura chi può tutelare i nostri diritti? L´organismo pubblico deputato a questo esiste, è il Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti, che dispone anche di un proprio sito Internet (http://it.dips.org/Dgatm/CNCU/index.htm) dove sono raccolti i link a tutte le associazioni dei consumatori cui ci si può rivolgere per far valere i propri diritti.

E voi, credete che gli acquisti in rete siano davvero sicuri? Rispondi al nostro sondaggio di oggi o dacci un parere in message board.



Tag:


Presente in:

Cultura - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)