Curiosità: non piace l’auto al femminile.

Società - Donna



La sigla con cui è stata chiamata – YCC ovvero Your Concept Car – è quasi anonima. Invece, secondo gli ideatori di questa particolarissima auto, prodotta dalla svedese Volvo e presentata all’ultimo salone di Ginevra, dovrebbe rappresentare una vera e propria rivoluzione per il mondo delle quattro ruote. Si tratta, infatti, della prima auto al mondo progettata da donne e dedicata esclusivamente al mondo femminile.



La YCC, in realtà, è un progetto nato dalle menti del reparto marketing della Volvo, che ha evidenziato, dopo lunghe indagini, sei caratteristiche che un’auto dovrebbe avere per piacere al pubblico femminile: facilità di parcheggio, comodità dei sedili, visibilità, capienza del bagagliaio e possibilità di personalizzare il proprio veicolo. Da qui la creazione di un modello con optional adeguati, tra i quali risalta una vistosa fascia di gomma (chiamata “rubber bumper”) che fascia tutta l’autovettura simile a quelle presenti sulle automobiline elettriche degli autoscontri.



L’auto, che tra gli altri optional ha le portiere ad ala per facilitare l’entrata, un tappo della benzina che si apre a scatto per non sporcarsi le mani, il radar di parcheggio, non ha però convinto tutti. Soprattutto la concorrenza. Bob Lutz, vicepresidente della General Motors l’etichettata come fenomeno di un “malsano femminismo” . Michael Ganal, responsabile marketing della Bmw, ha commentato: “Quella delle auto per le donne non è neppure una teoria, non ha nessun senso” .



Difficile dire se la YCC, ed eventuali sue imitazioni, avranno successo. Anche se il mercato statunitense dice che il 50 per cento degli acquisti di auto è opera di donne, non è certo un bel biglietto da visita presentare una macchina-autoscontro, visto che nelle parole della sua ideatrice, la designer Anna Rosen, “il parcheggio a spinta non è altro che una guida creativa”. Senza dimenticare che, secondo i dati delle agenzie di assicurazione, le donne di incidenti nel fanno molto meno degli uomini. E sono assai più attente al codice della strada.


Tag:


Presente in:

Società - Donna

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)