Dalla california ecco il tripattino che si guida ballando

Società - Oggetti







Si chiama Trikke ed è l’ultima variante del monopattino che fece furore qualche anno fa. Ideato in California, è composto di un telaio in alluminio, tre ruote in poliuretano e sistema di frenata brevettato. La novità assoluta che lo contraddistingue è però il modo in cui lo si utilizza. Privo di motore e di pedali, infatti, Trikke si sposta grazie ad un movimento che coinvolge bacino, gambe e ginocchia e che ricorda i passi di un rock’n’roll. Occorre collocare i piedi all’estremità della forcella e spostare il peso del corpo da una gamba all’altra: la trasmissione del moto spinge la ruota anteriore senza che i piedi tocchino il suolo.


Veicolo ideale per i tipi sportivi, anche se i produttori assicurano che non richieda prestanza fisica nè allenamento particolari, Trikke si è conquistato la simpatia di molti oltreoceano: tra i primi acquirenti Jennifer Aniston, il marito Bradd Pitt e Timothy Hutton.


Messo a punto dall’ingegnere brasiliano Gildo Beleski, l’avveneristico veicolo è proposto dall’azienda produttrice Trikke Tech in tre modelli: c’è quello pensato per chi ama la guida spettacolare, abbastanza piccolo per i giovani guidatori dai quattro anni in su, ma sufficientemente robusto per resistere ai maltrattamenti dei guidatori freestyle. Per una guida meno estrema e più leggera, poi, vi è un modello di sei ha ruote da sei pollici, adatto ai guidatori che vogliono combinare il divertimento e le lunghe percorrenze, mentre l’ultimo è progettato per la velocità, le prestazioni e la durata. Grazie alle ruote da otto pollici, infatti, è stabile a qualsiasi velocità e adatto per coprire lunghe distanze. Tutti sono realizzati in alluminio e poliuterano, materiali presi in prestito dalla moderna tecnologia aeronautica, raggiungono una velocità media di 25 chilometri all’ora su superficie piana e possono affrontare pendenze di 17 gradi. Trikke, da novembre in vendita anche in Italia, potrebbe diventare una valida alternativa all’auto per vincere il traffico cittadino. Ha un solo difetto: quello di non essere troppo stabile sulle superfici bagnate.


Tag:


Presente in:

Società - Oggetti

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)