Dopo il cubo, erno rubik ci propone la sfera

Società - Oggetti



Erno Rubik, l´architetto ungherese che ideò il famoso Cubo (inizialmente progettato a scopi didattici e all´inizio diffuso solo tra i matematici ungheresi, interessati ai problemi statistici e teorici che il cubo poneva) torna a proporre un rompicapo per risolvere il quale occorrono esperienza, logica e destrezza.



Il nuovo rompicapo, che utilizza elementi dell´originale come ha spiegato il suo ideatore, è stato battezzato 360: si tratta di sei palline colorate racchiuse in tre sfere trasparenti concentriche.

Lo scopo del gioco è far passare le palline dalla sfera più interna a quella più esterna attraverso i fori presenti e poi sistemarle negli oblò del colore appropriato. Spiegarlo è semplice, ma le combinazioni possibili sarebbero miliardi e pare che una sola sia quella corretta.



La presentazione ufficiale di 360 si è tenuta il 5 febbraio alla Fiera internazionale del giocattolo di Norimberga, ma già ora c´è chi spera in un successo paragonabile a quello del Cubo, che nella propria vita ha venduto 350 milioni di esemplari.

Esistono veri e propri campionati e tornei in cui i giocatori si contendono il record di velocità nella risoluzione: attualmente appartiene a Erik Akkersdijk, che nel 2008 ha impiegato solo 7,08 secondi, mentre il primato opposto appartiene a Graham Parker, al quale sono stati necessari 26 anni (pari 27.400 ore effettive di lavoro sul Cubo) per venirne a capo.




Pensate che il cubo originale, nella versione 3x3x3, può assumere ben 43.252.003.274.489.856.000 di combinazioni possibili (senza considerare le rotazioni delle 6 faccette centrali) di cui solo una è quella corretta.


Tag:


Presente in:

Società - Oggetti

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)