Educazione: imparare a dirgli di no

Psicologia - Mamma



Dopo gli anni del permissivismo - la peggior eredita´ lasciataci dalle proteste giovanili degli anni Sessanta - finalmente pedagoghi e psicoterapeuti infantili cominciano a riscoprire i pregi di un´educazione piu´ autoritaria. Dopo gli scapaccioni, ritornati in auge persino nella libertaria America, e´ la volta del no come importante momento di insegnamento e di crescita dei figli.



Ne parla diffusamente nel suo ultimo libro I no che aiutano a crescere (in Italia e´ da poco uscito per Feltrinelli) la pscioterapeuta infantile Asha Phillips della prestigiosa Tavistock Clinic di Londra. Gran parte delle situazioni di disagio in famiglia sono dovute proprio all´incapacita´ di dire no, scrive la Phillips -; rinunciando a dire di no finiamo per impoverire le nostre risorse emotive e quelle dei figli. Insomma quel lassismo, quelle cessioni ai pianti e agli strilli dei nostri bambini produrranno adolescenti con un forte senso di smarrimento, incapaci di individuare i propri confini, confusi e fragili.



Il no non significa necessariamente rifiuto o prevaricazione - avverte la Phillips -; puo´ essere invece una dimostrazione di fiducia nella loro forza e nelle loro capacita´. Non solo: e´ il necessario corollario del si´. Entrambi sono fondamentali: senza l´uno, anche l´altro non ha piu´ valore. Anche i no dei bambini hanno un loro significato. Il diniego rappresenta, infatti, il primo momento dell´affermazione di se´, della presa di coscienza della propria individualita´. Invece e´ proprio questo il momento giusto per dire di no - spiega Asha Phillips - e´ la risposta che in fondo lo stesso bambino si aspetta. Dopo il primo momento di disappunto si vede che e´ piu´ tranquillo: perche´ si sente contenuto. E voi che ne pensate? Rispondete al nostro sondaggio o dateci un parere in message board.




Tag:


Presente in:

Psicologia - Mamma

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)