Fame nel mondo: una minestra con un clic

Cultura - Attualità



Il sito si presenta in modo abbastanza scarno. In home-page una mappa del mondo, in giallo, in cui circa ogni tre, quattro secondi un paese si colora di nero. La scritta sotto spiega tutto: ogni 3,6 secondi qualcuno muore di fame, 3/4 dei decessi interessano bambini al di sotto dei 5 anni. Quando un paese si illumina sulla mappa significa che li´ qualcuno e´ morto di fame.

Mentre guardiamo si illuminano l´India, il Vietnam il Mali, il Pakistan, il Brasile ancora l´India. Sei morti in poco meno di venti secondi. E´ lo scioccante biglietto da visita di The Hunger Site, sito indipendente dedicato al problema della fame del mondo. Ma non e´ tutto, il sito, oltre che puntare sulla drammaticita´ del problema ha ideato un meccanismo, tanto semplice quanto utile, per aiutare chi soffre. Sotto la mappa di cui abbiamo parlato c´e´ un pulsante Donate Free Food, regalate del cibo. Ogni volta che qualcuno clicca su questo tasto, gli sponsor che approfittano del sito per fare la loro pubblicita´, versano al Programma Alimentare Mondiale quanto basta a nutrire un bambino per 5 giorni. E´ possibile effettuare un solo clic per persona ed al giorno, ma si puo´ ripetere l´operazione ogni giorno, ovvero sette volte alla settimana.

The Hunger Site e´ nato in rete nel giugno del 1999 e da allora ha permesso di donare una media di 200 tonnellate di cibo settimanalmente. Solo nel mese di dicembre 8 milioni di persone in tutto il mondo hanno cliccato sul pulsante di donazione del sito, permettendo di regalare 1.419 tonnellate di cibo (in gran parte riso) ai piu´ bisognosi. Il 5 gennaio scorso, dopo gli Stati Uniti, i paesi piu´ solidali in questa bella gara alla donazione sono stati il Canada, l´Inghilterra e al quarto posto nel mondo l´Italia, con oltre seimila donazioni.

Il problema della fame del mondo, anche in questo futuristico Duemila, rimarra´ Il Problema, cui si stanno adoperando organizzazioni come la Fao, l´Onu, l´Unicef e il Care. Secondo i loro dati circa 800 milioni di persone nel mondo soffrono per fame e malnutrizione e 24 mila persone muoiono ogni giorno per queste cause. I dati sono migliorati rispetto alle 35 mila persone di dieci anni fa o le 41 mila di venti anni fa, ma ancora oggi i tre quarti dei decessi interessano bambini al di sotto dei cinque anni d´eta´.

Non e´ colpa solo di carestia e guerre, che causano solo il 10 per cento dei decessi per fame. La maggior parte dei decessi per fame sono causati da malnutrizione cronica. I nuclei familiari, a causa dell´estrema poverta´, semplicemente non riescono ad ottenere cibo sufficiente per loro. Certo non basta solo un clic per risolvere il problema (anche se aiuta), servono risorse ai paesi in via di sviluppo per riuscire a coltivare prodotti commestibili e diventare autosufficienti, come semi di buona qualita´, attrezzi agricoli appropriati e l´accesso all´acqua. Ma il modo migliore per alleviare la fame nel mondo, concordano tutti gli esperti, resta l´istruzione.



Tag:


Presente in:

Cultura - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)