Fiabe: va in mostra l´orco cattivo

Cultura - Arte



Torna una delle leggende noir più temute dall´immaginario collettivo infantile delle generazioni passate. E´ quella dell´Orco cattivo, figura che sarà al centro della diciottesima edizione della mostra internazionale d´illustrazione per l´infanzia Le Immagini della Fantasia, che apre oggi al Palazzo Municipale di Sàrmede, piccolo comune dell´alto trevigiano, restando aperta sino al 17 dicembre prossimo (poi la mostra sarà in tour prima a Treviso dal 3 febbraio, poi a Siena dal 17 marzo, a Bolzano dal 4 maggio e successivamente in altre città europee).

L´Orco accompagna ormai da millenni l´immaginario della civiltà occidentale, della quale è divenuto un ospite fisso e un caposaldo. Vive nelle metafore del linguaggio comune, rappresenta un termine di paragone: voce da Orco, mangia come un Orco, russa come un Orco, ecc. Ha una funzione fondamentale nella fiaba, quella d´incarnare il male e molte delle figure diverse, che condividono con lui tale funzione, spesso sono solo Orchi in riusciti travestimenti. Non esiste un tipo preciso di Orco, può essere un essere selvaggio o più o meno civilizzato, avere dimensioni gigantesche o presentarsi poco più grande d´una persona normale, avere un´enorme forza o quanta un uomo comune, sembrare più una bestia o più un uomo, essere addirittura una bestia, o un drago, o un mostro indefinito.

Molto si è discusso se l´Orco sia una figura che nella fase educativa costituisca o meno un elemento perturbante al punto da causare traumi infantili. Nonostante oggi i cartoon giapponesi siano sempre più conditi di mostri e mostricciattoli, tascabili o digitali poco importa, e che i nostri piccoli familiarizzino sempre più precocemente con esseri paurosi, in tivù o nei videogiochi, l´Orco immaginario della nostra infanzia, magari quello della terribile categoria Mangiabambini che andava in giro canticchiando ucci ucci sento odor di cristianucci… , è in grado di spaventare ancora.

E proprio per tornare indietro con la fantasia, o anche per far scoprire le fiabe di una volta ai piccoli di oggi, merita andare a visitare questa edizione della mostra di Sàrmede, ai piedi del Gran Bosco del Consiglio che già di per sé vale una gita, dove i protagonisti sono proprio loro, gli Orchi, presenti in circa 250 opere originali dei maggiori illustratori per l´infanzia di tutto il mondo. La mostra presenterà anche due giornate dedicate al teatro e tutti i sabato pomeriggio, poi, avranno luogo laboratori per bambini gratuiti, spettacoli di teatro di strada e visite guidate.

E per voi, quale è stata la figura immaginaria della vostra infanzia che vi ha fatto più paura? Rispondete al nostro sondaggio o dateci un parere in message board.



Tag:


Presente in:

Cultura - Arte

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)