Frutta e verdura, alleati preziosi contro lo stress.

Cucina - Dieta



Calo dell’attenzione, dolori muscolari, problemi di digestione, mal di testa e senso di stordimento: sono questi alcuni dei sintomi del cosiddetto stress da rientro, ossia lo stato di malessere che accompagna la fine delle vacanze e la ripresa delle normali attività lavorative.


Il cambiamento improvviso dei ritmi rilassanti e delle abitudini di vita mina l’equilibrio del nostro organismo, che avrebbe bisogno di qualche tempo per adeguarsi alle nuove condizioni: il malessere e lo stress che ne conseguono e che spariscono da sé dopo un po’ di tempo, possono comunque essere ridotti con qualche semplice accorgimento. A partire dalla tavola, come suggerisce la Col diretti.


Alleati preziosi per fare il pieno di energia necessaria sono innanzitutto la frutta e la verdura di stagione, le cui caratteristiche dietetiche hanno anche un effetto calmante che aiuta il rilassamento in modo naturale senza dover ricorrere alle medicine.


La scoperta delle proprietà tranquillizzanti della frutta per la presenza di principi attivi come il diazepan (contenuto in noti farmaci) è, come ricorda la Col diretti, solo l’ultima delle novità scientifiche che avvalora risultati noti nella tradizione popolare. Il consumo di alimenti contenenti zuccheri semplici, come la frutta dolce, stimola la produzione da parte dell’organismo di serotonina, il neuromediatore del benessere che favorisce il rilassamento. Ricordate dunque di portare in tavola pesche, mele, uva, melone, pere e zucchine, ma anche pomodoro, peperoni e insalate, le cui proprietà “curative” agevoleranno sicuramente il ritorno ai ritmi di vita quotidiani.


Particolarmente apprezzate, secondo gli esperti della Col diretti, sono le proprietà terapeutiche dell’uva, in cui è presente la vitamina B6, necessaria per individui contratti, nervosi, insonni, e per tutti coloro che hanno bisogno di rilassarsi, e le vitamine A e C, che mantengono il buono stato dei vasi sanguigni e svolgono una azione antiossidante.


Ma i benefici apportati da frutta e verdura non si fermano qui. Introdurre una sana alimentazione al rientro dalle vacanze aiuterà a compensare i “peccati di gola” commessi l’ombrellone dai tanti italiani che non sono riusciti a seguire un preciso regime alimentare durante l’estate e che si trovano così ora con qualche taglia in più e il fegato affaticato anche per il consumo di alcolici.


Il betacarotene contenuto nelle pesche, ad esempio, ha un rilevante effetto depurativo, che facilita la funzionalità di reni e intestino: una pesca di circa due etti fornisce 60 calorie. Il melone, poi, vanta preziose proprietà diuretiche ed ha un apporto calorico pari a 80 calorie ogni tre etti. Le mele sono i frutti che uniscono ad un assai modesto apporto calorico una benefica azione antidiarroica e la capacità di regolare la colesterolemia, grazie alla prevalenza del potassio sul sodio, mentre le pere contengono zuccheri semplici (quasi tutto fruttosio), fibra, molta acqua e poche calorie e sono quindi adatte per gli intestini pigri e per chi vuole mettersi a dieta, grazie anche al loro buon potere saziante.


Di vitamina C (il triplo di quella contenuta nelle arance), vitamina A, calcio e fosforo sono ricchi i peperoni, che forniscono, peraltro, solo 30 calorie ogni 100 grammi di prodotto. Le zucchine verdi, invece, continua la Coldiretti, hanno un apporto di 14 calorie per etto e sono uno degli alimenti più digeribili da anziani e convalescenti. I loro fiori, in particolare, sono ricchissimi di vitamina A indispensabile per la salute degli occhi e della pelle, per la ricostruzione e la protezione delle mucose, delle ossa e dei denti e per la sua azione antiossidante. Chi vuole riconquistare la linea può fare scorpacciate di insalata, che conferisce volume e potere saziante con un apporto calorico estremamente limitato ed assicura anche un certo contributo di vitamine, calcio, fosforo e potassio. Inoltre è ricca di vitamina E che protegge il sangue e le altre sostanze del corpo dalle intossicazioni da smog ed è molto valida per i disturbi di cuore e della circolazione, mentre i pomodori, conclude la Coldiretti, oltre ad essere gli ortaggi dietetici per eccellenza perché hanno solo 17 calorie per 100 grammi, regalano all’organismo un buon apporto di fibre, vitamine e sali minerali in particolare fosforo, calcio e magnesio.


Tag:


Presente in:

Cucina - Dieta

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)