Genitori, vaccinate i vostri figli. lo raccomanda il ministro della salute.

Medicina - Attualità



Attende di essere approvata dalla Regioni e confermata dal Ministero la proposta della commissione insediata da Girolamo Sirchia su tre nuove vaccinazioni per i bambini. Si tratta dei vaccini contro varicella, meningococco (una delle maggiori cause di meningite grave) e pneumococco (responsabile di serie infezioni respiratorie), che non saranno obbligatorie, ma vivamente “raccomandate” a tutti i genitori. L’indicazione è che siano offerte dalle Asl e la campagna per la loro diffusione sarà lanciata a settembre, al momento di riapertura delle scuole.



La comunità medico-scientifica, che ha tra l’altro proclamato il 2004 Anno del piano nazionale per l’eliminazione del morbillo e della varicella, sta mettendo a punto un articolato piano di vaccinazioni a larga scala non previste dalla legge, il cui successo dipende quindi da una stretta collaborazione da parte dei neo genitori e dei medici di famiglia, che devono consigliarli in tal senso.



L’obiettivo, che non sarà facile da raggiungere, è quello di convincere gli adulti dell’importanza che l’immunizzazione dei propri figli riveste. I dati più recenti riguardanti i bambini sotto i due anni protetti contro le malattie infettive oggi prevenibili, infatti, dimostrano che la copertura media è quasi totale (più del 95 per cento) per i vaccini obbligatori (tetano, difterite, poliomielite, epatite B), offerti assieme all’antipertosse, ma che i numeri precipitano se si considerano i vaccini raccomandati. Per l’anti-Haemophilus influenzae (che causa forme gravi di meningite) si rimane all’87 per cento perchè coincide con i richiami, ma la media di coloro che ricorrono alla trivalente (in un’unica fiala sono riuniti antimorbillo-rosolia e parotite) si abbassa al 66 per cento. Tali stime sono il risultato del Progetto Icona, indagine svolta dall’Istituto Superiore di Sanità per verificare l’attuale proporzione di bambini vaccinati entro il secondo anno di vita. Condotta su un campione di 4.602 famiglie, evidenzia comunque che la media copertura per tutte le vaccinazioni è in crescita rispetto a cinque anni fa, data della ricerca precendente.

<

I tre nuovi vaccini consigliati fanno salire a 12 (fra i 4 obbligatori e i volontari) il numero di quelli proposti dal calendario. L’anti-pneumococco sarà somministrato al terzo, quinto e undicesimo mese di vita, dato che le malattie provocate dal batterio sono frequenti e possono essere piuttosto gravi nel primo anno di vita. La profilassi contro il meningococco di tipo C, il germe responsabile di alcuni focolai epidemici nella stagione invernale trascorsa, viene associato alla trivalente e raccomandato tra 12 e 15 mesi del bambino. La vaccinazione contro la varicella, infine, è consigliata agli adolescenti che non abbiano contratto l’infezione nell’infanzia.




Tag:


Presente in:

Medicina - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)