Ginnastica: impariamo lo stretching zen.

Bellezza - Fitness






Stiracchiarsi come un gatto e meditare con lo yoga. L’idea di unire le due tecniche è venuta a Shizuto Masunaga, guru dello Shiatsu giapponese, ideatore dello Stretching Zen, ginnastica “dolce” che stimola i nostri meridiani, quei canali che, secondo la concezione della medicina tradizionale cinese, scorrono attraversano il nostro corpo, dalla testa ai pied, e facilitano la circolazione del “Ki”, l’energia vitale appunto, nei nostri organi. Obiettivo: quello di rilassare ma anche di tonificare e rivitalizzare.



Masunaga propone cinque facili esercizi che combinano posizioni yoga (asana), coordinate col respiro, a tecniche di stiramento che allungano muscoli e meridiani tipiche dello stretching. Grazie allo Stretching Zen è possibile trovare sollievo dalle emicranie, dai dolori al collo, alla schiena e alle gambe, alleviare problemi di circolazione, digestivi e intestinali. Inoltre è possibile sciogliere blocchi emotivi liberandosi dal peso di esperienze negative e traumi riaprendo il respiro ed il cuore.



Il primo esercizio coinvolge i meridiani (o vasi) “Concezione” e “Governatore” . Il primo congiunge le labbra al perineo ed è il sentiero dello Yin, l’energia femminile, mentre il secondo scorre lungo la schiena ed è legato allo Yang, l’energia maschile. Iniziando da una posizione eretta ci si piega all’indietro immaginando che il nostro “hara” (la zona del ventre) si fletta in avanti. E’ uno stretching che armonizza l’energia vitale creando uno stato di benessere e di maggior consapevolezza.



Per contrastare stati di ipertensione e ipersensibilità, lo stress e l’apatia, l’esercizio da praticare è quello che stimola i meridiani “Polmone” e “Intestino Crasso” . Come in una danza di movimento, bisogna immaginare di “prendere il volo”, sollevando ed allargando le braccia mentre si saltella e stirando la pancia, per poi ricadere sui due piedi. Per facilitare lo scambio del “Ki” con l’ambiente esterno, bisogna anche respirare in modo profondo ed energico.



Accucciatevi a terra con il busto eretto e le gambe ripiegate all’indietro sotto le anche. Poi piegatevi a ponte con le braccia all’indietro, intrecciando le dita delle mani. Con questo esercizio si stimolano i meridiani “Stomaco e “Mila/Pancreas” e si curano difficoltà di socializzazione mancanza di autostima. Adesso sedetevi a terra con le gambe piegate, congiungendo le palme dei piedi. Chinandovi verso il basso, tirate il corpo in direzione dei piedi. Le linee di tensione che si avvertano disegnano i meridiani “Cuore e “Intestino Tenue” . Ultimo esercizio è quello che interessa i meridiani “Fegato” e “Vescica Biliare” e si effettua sedendosi a terra con le gambe divaricate al massimo, allungando le braccia verso l’alto e inclinandosi da una parte e dall’altra delle gambe. Cura il cattivo carattere e l’irritabilità.


Tag:


Presente in:

Bellezza - Fitness

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)