Lasciamoci cosi´...

Cultura - Attualità



Lasciamoci cosi´, senza pudore, titolava un film italiano degli anni Settanta. Oggi, a vent´anni di distanza, e´ proprio cosi´. Il divorzio, in Italia, sta diventando prassi diffusa e accettata ormai senza drammi. All´americana, se vogliamo, dove non sei nessuno se non hai almeno tre matrimoni alle spalle. Nel 1997 i divorzi in Italia sono stati 33 mila con un aumento del 1,9 per cento, le separazioni 60 mila, piu´ 4,8.

La svolta la sta capendo anche il legislatore. Da molti mesi si attende che la Camera esamini il testo per la riforma della separazione e del divorzio, con l´obiettivo di semplificarli. Intanto pero´ la Corte Costituzionale ha eliminato, con un provvedimento di un paio di mesi fa, l´assurda disparita´ tra il trattamento fiscale riservato alla separazione e quello riservato al divorzio, oggi considerati allo stesso modo. Come per il divorzio, anche per le separazioni consensuali sono stati eliminati tutti i balzelli fiscali, il cui costo si aggirava sulle 600 mila lire (qualche milione per le separazioni giudiziali, escludendo i costi della difesa). Tolte anche le imposte di registro sul trasferimento degli immobili, che erano dell´8 per cento del loro valore.

E per finire sul tema divorzi due curiosita´ che arrivano dall´Inghilterra: la prima casa per divorziati, realizzata a Brixton da due architetti dell´Universita´ di Cambrdige, con spazi separati per garantire la privacy e soprattutto per avere la possibilita´ di vivere ancora sotto lo stesso tetto con i figli, ed il club degli adulteri, l´Alibi Agency, agenzia londinese con gia´ 1600 soci che, unica al mondo, organizza gli alibi perfetti per le scappatelle notturne. Un modo originale per cercare di salvare un matrimonio. Ed ora a voi la parola. Rispondete al nostro sondaggio o scriveteci le vostre opinioni in message board.


Tag:


Presente in:

Cultura - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)