Lavoro: dalle molestie al

Cultura - Attualità



Vi trascorriamo un terzo della nostra giornata. Un decimo di tutta la nostra vita. E´ l´ufficio, il nostro posto di lavoro, la nostra trincea davanti al mondo. Trincea non a caso visto che intolleranze e fastidi sono sempre piu´ frequenti tra le nostre scrivanie. Che possono degenerare sino a trasformarsi in mobbing, una nuova parola che significa la lenta e progressiva emarginazione del capro espiatorio nelle aziende e nelle fabbriche.

Si parte da piccole cose, come un´invasione di fascicoli su scrivanie altrui, una sigaretta accesa in un corridoio e si arriva ad odiare il collega della scrivania accanto, sentendo crescere il desiderio che possa venire licenziato quanto prima. Quali solo allori i fastidi piu´ fastidiosi negli uffici italiani? Risponde un inchiesta dell´Istituto per gli Studi sulla Pubblica Opinione su un campione di 715 intervistati. Al primo posto, votata dall´80 per cento, il disordine negli spazi comuni, seguito dall´invasione di scrivanie e spazi altrui (79 per cento), dal fumo di sigaretta e dalle telefonate ad alta voce (entrambi per il 62 per cento), dall´occupazione del fax piu´ a lungo del necessario (57 per cento), dall´uso di profumi intensi (55 per cento), dalle correnti d´aria (54 per cento) e dalle voci nei corridoi e negli uffici (42 per cento).

Ma i fastidi potrebbero essere solo i pretesti per un fenomeno ben piu´ grave come quello del mobbing appunto. Parola presa in prestito dall´etologia, dove sta ad indicare l´atteggiamento aggressivo di una specie di uccelli contro le invasioni del proprio nido da parte di rivali. Il mobbing in ufficio consiste nelle perfidie messe in atto dai colleghi soprattutto verso i piu´ sensibili, i piu´ timidi, spesso i piu´ capaci e quindi invidiati. Sino a che la vittima predestinata non viene cacciata. Una sorta di nonnismo ma ben piu´ radicato e pericoloso. Tanto che in Francia hanno istituito una cattedra universitaria per studiarlo, presieduta dalla vittimologa Marie-France Hirigoyen, e in Svezia hanno promulgato una legge che vieta il mobbing ed in ogni azienda esiste la figura dell´esperto anti-mobbing.

E in Italia? Pur essendoci la piu´ antica clinica del lavoro al mondo, fondata a Milano nel 1902, il fenomeno e´ pressoche´ ignorato. Sia dalle aziende che dai sindacati, che invece dovrebbero tutelare i lavoratori. Cifre, sicuramente sottostimate, parlano del 4,2 per cento di mobbing negli uffici, contro il 16,3 per cento della Gran Bretagna ed il 10,2 per cento della Svezia. Secondo l´Unione Europea i maltrattati sono l´8,1 per cento dei lavoratori, ovvero circa 12 milioni. E si e´ persino calcolato che il dieci per cento dei casi di suicidio derivano da situazioni di terrore psicologico provocate in ambiente di lavoro. E voi, cosa ne pensate? Rispondete al nostro sondaggio o dateci un parere in message board.


Tag:


Presente in:

Cultura - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)