Lavoro: il mondo delle donne é piu internettamente rosa

Economia - Lavoro



Internet parla sempre più rosa. Ed in tutti i sensi. Aumentano le navigatrici, sempre più attente e curiose verso il fenomeno, ma aumentano soprattutto i posti di lavoro occupati dalle donne nella New Economy. Certo, i posti di responsabilità sono ancora e sempre ad appannaggio dei maschietti. Ma, come insegna anche l´esempio Usa, i ruoli si stanno pian piano invertendo.

Scoperto con un leggero ritardo rispetto ai maschi, il mondo di Internet sembra fatto apposta per una personalità femminile, più comunicativa e duttile. E cos´è Internet se non uno strumento perfetto di comunicazioni in tempo reale e a 360 gradi?. Della rivoluzione femminile in rete se ne è parlato durante l´ultimo Smau di Milano, la più importante vetrina sulle nuove tecnologie del nostro paese.

Durante un convegno con la presenza delle rappresentanti di diverse associazioni e alcune imprenditrici, sono stati resi noti diversi dati su questo rapporto tra le donne e la rete che rischia di rappresentare ormai la vera rivoluzione femminile. Del resto le donne in web stanno abbattendo tutte le staccionate tra loro e il mondo del lavoro. Al punto che dei 313 mila nuovi occupati creati sul mercato del lavoro italiano tra l´aprile del ´99 e quello del 2000, ben 209 mila sono donne che hanno trovato occupazione nella stragrande maggioranza dei casi nella New Economy.

Motivo? Le donne sono più creative, più veloci nell´apprendere, sono duttili nel contatto in rete e, soprattutto, si collegano ai vari siti con autentica sete di curiosità e non per eventualmente rimorchiare come invece fanno molti uomini, soprattutto in chat. Insomma, Internet e le donne è una simbiosi che si va perfezionando per alcune naturali predisposizioni femminili.

Anche se gli uomini sono ancora i più forti navigatori, con il 66 per cento degli accessi rispetto al 34 per cento delle donne. Le quali, tuttavia, stanno recuperando mese per mese, ed entro il 2003 si arriverà al livello degli Usa dove le navigatrici sono il oltre la metà. E´ vero però che nella New Economy i posti di responsabilità in Italia sono quasi del tutto appannaggio degli uomini, con l´83 per cento di dirigenti maschi. Percentuale che negli Usa arriva appena al 52 per cento. Certo - è stato fatto notare - arrivare ad una situazione di parità non sarà facile, anche per i cronici motivi che pongono in Italia le donne in difficoltà rispetto al mondo del lavoro.

E voi, lavorereste in un´azienda di New Economy? Rispondete al nostro sondaggio o dateci un parere in message board.



Tag:


Presente in:

Economia - Lavoro

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)