Le donne soffrono di più!

Medicina - Attualità



Nasce una nuova e inedita collaborazione tra l’azienda leader nella terapia del dolore
e l´Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna. Obiettivo comune è informare e sensibilizzare sul problema dolore cronico, una vera e propria malattia ancora troppo spesso sottovalutata
e particolarmente presente nel mondo femminile.



Uniti per combattere il dolore. Mundipharma, azienda farmaceutica leader nel trattamento del dolore, e l´Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna impegnato nello studio e nella prevenzione delle principali patologie che colpiscono l’universo femminile, annunciano di aver dato vita a un accordo di collaborazione per promuovere una maggiore conoscenza della malattia dolore e dell’impatto che questa ha sulla vita delle donne.



Secondo uno studio condotto dall’Associazione Internazionale per lo Studio del Dolore, infatti, il dolore cronico colpisce soprattutto il sesso femminile. Sono ben 12 milioni le donne che in Occidente ne soffrono: il 39,6% di loro lo ha sperimentato nel proprio quotidiano, contro il 31% degli uomini. Non a caso, il 2008 è stato identificato come il “Global Year Against Pain in Women”. Ciò nonostante, il dolore cronico continua ad essere uno dei problemi meno conosciuti e meno affrontati dalla medicina e viene spesso vissuto dai pazienti con rassegnazione, come qualcosa con cui dover inevitabilmente convivere.



Proprio per sensibilizzare la popolazione su questo aspetto, prende il via questa partership che prevede, tra l’altro, la creazione di un’area specifica sul sito internet www.ondaosservatorio.it, interamente riservata al dolore, e l’inserimento in home page di articoli dedicati alla tematica, sia nella sezione scientifica, sia in quella divulgativa. Fiore all’occhiello della neonata collaborazione tra l’azienda farmaceutica e l’Osservatorio sarà un’indagine sulla rilevazione del dolore nella donna, che partirà a breve e sarà effettuata su un campione di 800/1000 italiane, affette da dolore cronico benigno. La ricerca di mercato, i cui risultati saranno resi noti nel prossimo autunno, si occuperà di sondare la prevalenza del dolore e l’impatto che questo ha sulla qualità di vita della donna.



Marco Filippini, Direttore Generale di Mundipharma Italia ritiene fondamentale promuovere una maggiore conoscenza del dolore al femminile, un male invisibile spesso difficile da diagnosticare e non riconosciuto, che però incide molto sulla qualità di vita delle donne che risultano, tra l’altro, essere le più colpite.



Questa collaborazione è certamente un primo importante passo per affrontare un tema ancora poco conosciuto. C’è bisogno di un nuovo tipo di sensibilità per cominciare a considerare il dolore come un nemico da combattere e non più solamente come accompagnatore di malattie o di terapie. Mentre il dolore acuto è un ‘campanello d’allarme’ di cui l’organismo si avvale per segnalare una situazione di pericolo ed è fondamentale nella diagnosi di una malattia, il dolore cronico ‘inutile’, deriva dalla degenerazione della funzione primaria di ‘campanello d’allarme’, che trasforma il dolore in un sintomo prolungato e lesivo del benessere della persona, insomma una vera e propria malattia che, come tale, deve essere adeguatamente curata.





Tag:


Presente in:

Medicina - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)