Le mamme italiane? al passo con i tempi.

Tecnologia - Donna e tecnologia



L’ultima ricerca presentata dalla European Interactive Advertising Association (EIAA) è dedicata alla cosiddette mamme digitali e sottolinea un interessante trend: il 62 per cento delle donne europee con figli di età inferiore ai 18 anni accede regolarmente a Internet con una crescita del 9 per cento rispetto al 2005.


Solo in Italia si registra un incremento del 15 per cento nell’utilizzo del web, il che significa che oggi il 30 per cento delle mamme nazionali sfrutta ampiamente l’online nell’arco dell’intera settimana. Il dato, pur mantenendoci all’ultimo posto nel confronto col resto d’Europa, rivela tuttavia una tendenza in crescita e una consapevolezza sempre maggiore del mezzo e della tecnologia ad esso applicata. Non solo, si evidenzia un’evoluzione nella gestione stessa della propria vita e del proprio ruolo di donna e mamma: nel nostro paese il 71 per cento delle madri sceglie Internet per motivi personali, a fronte di una percentuale media europea del 75 per cento.


La ricerca indica anche quali siano i siti preferiti dalle mamme digitali: in vetta quelli riguardanti la tecnologia, seguiti da quelli di salute e di musica. Su internet vengono poi visitati i siti di informazione locale e quelli di notizie, i portali delle aste, quelli di banca e finanza.

Come si evince, le donne con figli risultano sempre più esperte in tecnologia: le visite ai siti ad essa dedicati sono aumentate di quasi il 50 per cento rispetto al 2005. Al contempo, il web diviene scelta di riferimento per le esigenze sanitarie della famiglia (con una crescita del 27 per cento anno su anno). Non solo, le mamme non vogliono restare indietro e quindi cercano sul web tutti gli aggiornamenti necessari rispetto a news e informazioni anche locali.


Insomma, la parola chiave del consumo di Internet da parte della mamme è valorizzare il proprio tempo, il che significa ottenere velocemente i risultati. È questa la motivazione che spinge il 70 per cento delle intervistate a scegliere l’online.


La ricerca indica che i siti visitati, le attività online e le abitudini di acquisto variano secondo l’età dei figli. Le mamme che utilizzano Internet e hanno figli piccoli (da 0 a 4 anni) sembrano optare per siti dedicati alla famiglia e ai bambini oltre che per siti bancari e di finanza, mentre le donne con figli tra i 16 e i 18 anni si focalizzano sui siti di cinema, probabilmente perché interessano sia loro sia l’intero nucleo familiare, ma anche perché iniziano a riguadagnare tempo a loro disposizione per intrattenimento e svago.


A dimostrazione del costante deficit di tempo e quindi dell’importanza di sfruttarlo al meglio, le mamme digitali scelgono di acquistare online più spesso delle donne senza figli. Il 79 per cento ha comprato per una spesa media di 644 euro (circa 10 articoli in 6 mesi). È più probabile che ne siano protagoniste soprattutto mamme di bambini piccoli. In effetti si sa: una semplice spesa al supermercato può rivelarsi un’autentica sfida se si hanno bimbi piccoli al seguito!


Secondo i dati raccolti dall’indagine, sembra che le mamme stiano sviluppando un maggior coinvolgimento con i contenuti online: infatti utilizzano Internet sia come forma di intrattenimento, sia per rilassarsi. Rispetto al 2005, si è registrato un aumento del 63 per cento nel numero di mamme che scaricano regolarmente film e programmi televisivi, un terzo scarica regolarmente musica, il 28 per cento ascolta la radio online, mentre il 16 per cento si diverte sui siti di giochi d’azzardo.


Internet anche tra le mamme si rivela decisivo per comunicare. Telefonare via Internet, per esempio, non è più fantascienza. Almeno per la madri europee, il cui utilizzo registra un aumento del 63 per cento rispetto a 2 anni fa. Allo stesso modo, la messaggistica istantanea è schizzata al 38 per cento (dal 30 per cento nel 2005). Mamme consapevoli anche dei nuovi strumenti propri di Web 2.0: il 22 per cento accede regolarmente a siti di social networking, al 16 per cento piace votare e fare recensioni, mentre un buon 15 per cento è attivo sui blog. Lontane dall’immagine tradizionale di angeli del focolare, le mamme digitali oggi vogliono personalizzazione e partecipazione!


Infine, messi a letto i pargoli, le mamme approfittano di pace e silenzio per svolgere online una serie di compiti o anche solo per concedersi un momento di relax: il 65 per cento si collega infatti tra le 17.30 e le 21.00. Abituate a fare più cose contemporaneamente, risultano multitasking anche con i mezzi di comunicazione: il 17 per cento, per esempio, utilizza Internet mentre guarda la televisione.


Alison Fennah, Executive Director di EIAA, così commenta i risultati: “Per le mamme, sempre in lotta col tempo e le tante incombenze, Internet svolge un ruolo sempre più importante, non solo nella gestione, ma anche e soprattutto nell’arricchimento della vita quotidiana. Siamo felici di veder crescere la loro presenza online e di riscontrare una volta di più la potenza di Internet anche rispetto alle loro particolarissime esigenze.”


Tag:


Presente in:

Tecnologia - Donna e tecnologia

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)