L´energia nel pallone

Cultura - Attualità



Non per nulla il calcio è lo sport più praticato: basta un pallone o qualcosa che gli assomigli, uno spazio piano e qualche amico per giocare ore e ore. I bambini e i ragazzi poi, si sa, sono capaci di dimenticare tutto per una partita con gli amici, magari con regole improvvisate e tanta voglia di correre.

Prendendo ispirazione da questo istinto a calciare (non è azzardato definirlo così), quattro ricercatrici dell’università di Harvard hanno ideato Soccket, un pallone che incamera tutta l’energia che i bambini generano giocando a calcio e la trasforma in energia elettrica da utilizzare per piccoli apparecchi elettronici o lampade LED.


Il progetto è rivolto soprattutto all’Africa, continente nel quale l’impiego dell’energia elettrica è ancora molto difficoltoso: già tre anni fa è nata “Lighting Africa Initiative”, un’iniziativa avviata con il concorso della Banca Mondiale con l’obiettivo di fornire illuminazione elettrica entro il 2030 ad oltre 250 milioni di africani, in modo ecologico ed economico, senza utilizzare combustibili fossili.

Attualmente gran parte del continente africano fa ancora affidamento per l’illuminazione notturna su lampade a cherosene, che sono poco efficienti, inquinanti e il cui utilizzo diventa sempre più costoso a causa del rialzo dei prezzi del petrolio. Queste lampade inoltre possono far scoppiare incendi e producono fumi dannosi per la salute. Le reti elettriche africane sono scarse e soggette a guasti e interruzioni nell’erogazione del servizio.


Soccket potrebbe costituire un valido contributo al raggiungimento dell’obiettivo di “Lighting Africa Initiative”: i rendimenti infatti sono notevoli; basti pensare che per ogni quarto d’ora di gioco, la palla riesce a generare un quantitativo di energia utile per far funzionare una lampada LED per tre ore.

“L’idea – spiegano le ricercatrici – ci è venuta prendendo spunto dalle piste da ballo che trasformano la pressione dei passi in energia elettrica. Nel nostro caso il movimento della palla agisce su un magnete avvolto in una bobina inducendo una tensione che genera corrente elettrica. Il brevetto per questa innovazione è attualmente in corso. Stiamo lavorando anche con le organizzazioni locali del Sud Africa che vedono il calcio come un modo per promuovere lo sviluppo dei giovani e l’educazione alla salute”.

Anche se i palloni in questione peserebbero leggermente di più di quelli tradizionali, questa idea potrebbe davvero rivoluzionare la vita di più di un milione di persone.





Tag:


Presente in:

Cultura - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)