Mamme: un sussidio contro l´aborto

Società - Donna



Un milione al mese per i primi tre anni di vita del bambino alle mamme che decidono di rinunciare ad interrompere la gravidanza. E´ il premio anti-aborto che vorrebbe istituire in tutto il paese il ministro della Sanità Girolamo Sirchia. Ma dopo una prima sperimentazione nel comune di Milano, già fioccano le prime polemiche. E c´è chi parla addirittura di rischio-truffa.



Entrato in vigore nel maggio scorso, il sussidio, che garantisce in totale 36 milioni alle neo-mamme, non ha avuto il successo sperato. Solo 53 le richieste presentate - 19 da parte di nubili, le restanti da conviventi o sposate - ovvero meno dell´1 per cento delle oltre 6 mila 500 donne che ogni anno a Milano decidono di interrompere la gravidanza.



Quello che ha sollevato più dubbi è proprio il sistema di richiesta del premio. Esteso solo alle residenti a Milano da almeno un anno e con reddito familiare non superiore ai 36 milioni annui, per ottenerlo le partorienti devono presentare all´Asl o a un consultorio medico il certificato di richiesta di interruzione di gravidanza. Successivamente devono dichiarare agli assistenti sociali di aver cambiato idea e di voler portare a termine il parto. Se i requisiti sono in regola l´assessorato ai Servizi Sociali delibera l´erogazione dell´assegno mensile da un milione.



E´ facile capire come possa dar adito ad inevitabili frodi, anche se i numeri delle richieste così bassi escludono che ciò si sia sinora verificato. Contro il provvedimento si è schierata l´assessore ai servizi sociali di Milano Tiziana Maiolo e Antonio Tomassini, presidente della commissione Sanità del Senato. Non servono contributi, spiegano, per invogliare le donne a mettere al mondo figli.



Nonostante il nostro paese abbia ancora uno degli indici di natalità più bassi del mondo (1,2 figli per coppia), ci sono segnali incoraggianti di crescita. E anche dal versante aborto le cifre stanno abbassandosi da sole: nel 1980, 15 donne ogni mille interrompevano la gravidanza, oggi si è scesi a 9 su mille.




Tag:


Presente in:

Società - Donna

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)