Mare: il decalogo delle vacanze

Viaggi - Mare



Anche una piccola imprudenza può rivelarsi fatale. E´ partita alla grande la stagione estiva al mare e già si contano le prime disgrazie: 11 annegati solo nell´ultimo weekend di giugno. Perché il mare, come insegna ogni buon marinaio, richiede innanzitutto rispetto. Bastano pochi accorgimenti per trascorrere serenamente la propria vacanza al mare. Eccoli.




I consigli del perfetto bagnante, stilati da chi il mare lo vive tutto l´anno, sono quelli della Guardia Costiera delle Capitanerie di Porto, lanciati nella sua campagna Mare sicuro. Poche, semplici regole da rispettare: un piccolo decalogo di buona condotta in spiaggia e in mare. Primo: valutare bene le proprie capacità natatorie, i requisiti minimi richiesti sono il sapersi spostare in acqua e riuscire a galleggiare. Per chi non ha dimestichezza con il nuoto è consigliabile il bagno in acque basse.




Secondo: fare il bagno sempre in compagnia, specie se si è lontani dalla costa. Terzo: preferire sempre le spiagge dove è presente il bagnino. Quarto: prima di tuffarsi in acqua, specie se si è stati per molte ore sotto al sole, è bene rinfrescarsi bagnandosi gradualmente, prima la nuca, quindi l´addome e il petto, evitando assolutamente di fare il bagno se si è preso un colpo di sole.



Quinto: in caso di non perfette condizioni fisiche, è meglio rinunciare ad entrare in acqua. Sesto: fare sempre il bagno dopo le canoniche tre ore dopo un pasto completo, per evitare i pericolosi blocchi intestinali. Settimo: non entrare in mare se è mosso, se soffia vento forte o se c´è particolare corrente, rispettando sempre il divieto di balneazione, e facendo attenzione a non immergersi se sventola la bandiera rossa.




Ottavo: per chi ama i tuffi, evitare di lanciarsi dagli scogli se non si è davvero bravi, e comunque è sempre bene ispezionare prima la profondità del fondale. Nono: rispettare su pedalò e pattini il numero degli occupanti previsti: Decimo: per chi ha bambini piccoli è consigliato sempre l´uso dai braccioli (da evitare assolutamente invece la ciambella), inoltre vanno tenuti d´occhio spesso.




Infine, ricordarsi di rispettare le regole anche con i sempre più numerosi mezzi alternativi per godersi una vacanza al mare. Per l´aquascooter bisogna aver compiuto 16 anni e essere in possesso della patente nautica, se il motore ha una potenza superiore a 40,8 cavalli. Ricordarsi, poi, di indossare, e fare indossare all´eventuale passeggero, una muta galleggiante o una cintura di sicurezza. Navigare, poi, solo di giorno, e dopo aver consultato la Capitaneria di Porto.




Regole simili valgono anche per gli appassionati dello sci d´acqua e del windsurf: rispettare le distanze di sicurezza, e controllare di avere a bordo del mezzo le dotazioni necessarie. Per quest´ultimo, poi, è vietato poi navigare per troppo tempo nella stessa direzione, e, se non si riesce a rientrare, si consiglia di smontare albero e vela, utilizzando il boma come pagaia.





Tag:


Presente in:

Viaggi - Mare

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)