Medicina: donne in fumo

Medicina - Attualità






Donne, sempre più accanite fumatrici. Tanto che, secondo l’Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano diretto da Umberto Veronesi, presto il numero di morti per cancro ai polmoni potrebbe sorpassare quello al seno. Una previsione preoccupante ma che si basa su cifre precise. Negli ultimi vent’anni in Italia la mortalità per cancro al polmone legata al fumo negli uomini è scesa del 15 per cento, mentre nelle donne è aumentata del 50 per cento.



Una vera e propria “epidemia da tabacco” al femminile, quindi, che pare avere colpito maggiormente il nostro paese (in Europa la mortalità femminile dagli anni ’80 ad oggi è salita del 30 per cento). Attualmente in Italia fuma il 19 per cento delle donne (circa 4 milioni), contro il 33 per cento degli uomini). E sono soprattutto le giovanissime le più attirate dal “dio tabacco”. Fra i 15 e i 17 anni fuma il 7 per cento (erano il 4,5 per cento nel ’90), le diciottenni con la sigarette sono il 15 per cento (12,7 per cento nel ‘90), le ventenni il 20 per cento (18 per cento nel ’90).



Da qui l’iniziativa dell’Ieo di lanciare una grande campagna per la prevenzione e la diagnosi precoce di questa malattia fra le donne. “Evitiamo che ogni anno quasi 6 mila italiane, il doppio rispetto agli anni Settanta e circa il 50 per cento in più rispetto agli anni Ottanta, muoiano a causa delle sigarette”, ha detto Veronesi in occasione della presentazione del progetto a Milano un paio di settimane fa.



Tre i fronti su cui si muoverà la campagna anti-fumo. Il primo mobilitando nella lotta al fumo “donne che fanno opinione” e che possono rappresentare un modello soprattutto per le giovanissime. Il secondo potenziando i centri per l’abbandono dell’abitudine alla sigaretta. Il terzo incentivando la diagnosi precoce. Pur non esistendo, al momento, un test di screening paragonabile alla mammografia per il tumore al seno, molto interesse sta alzando l’impiego della Tac spirale, associata alla Pet (tomografia ad emissione di positroni), che permetterebbero di individuare tumori in fase iniziale. La ricerca condotta dall’Ieo su questo versante sta già dando ottimi risultati.


Tag:


Presente in:

Medicina - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)