Moda: trionfano le schiene scoperte e seni a vista

Moda - Look



Il riciclaggio degli anni Ottanta ha imperversato durante tutto l’autunno-inverno 2000/2001, fra stampe, spalline imbottite, borchie, atmosfere neodark e allusioni, spesso tutt’altro che implicite, all’immaginario fetish e sadomaso. Voglia di trasgressione? O solo l’ultimo dei mille specchi del fashion set? Per la primavera-estate, comunque sia, non mancheranno le occasioni di “spogliarsi” all’ultima moda. Per una donna sempre più femminile, sexy e audace.

Roberto Cavalli, con la sua costante e imperturbabile tendenza all’eccesso, non poteva che diventare l’interprete di punta di una moda che tutto recupera e ricicla, purché vada oltre. Lo stilista fiorentino punta su aderenze, trasparenze e, soprattutto, scollature senza confini sulla pelle nuda. Giacche e camicie si portano aperte fino all’ombelico, le bande verticali dei body lasciano scoperta la pelle sulla pancia e fra i seni, che ammiccano, spuntano. La loro nudità, da zona anatomica à cacher, si fa parte integrante della mise, centro magnetico intorno al quale giocano gli indumenti.

I pantaloni hanno la vita bassissima e fasciano le caviglie. (Hot)-pants, gonne e mini-dress coprono il minimo indispensabile. La sera vede ancora protagonista la pelle, rigorosamente nera, ma di giorno trionfano i colori ’80: rosa, verde fluorescente su nuove stampe astratte, veli e pietruzze colorate. Cavalli, che durante lo scorso gennaio ha aperto una nuova Boutique nel cuore di Roma, a Palazzo Torlonia, veste star come Jennifer Lopez, Mena Suvari, Whitney Huston e, in Italia, Anna Valle, Paola Barale, Anna Oxa, che anche a Sanremo indossava le sue creazioni.

È decisamente meno esibita la sensualità della donna Versace, che sceglie abiti-silhouette lunghi e aderenti, tailleur sfiancatissimi, top. E gioca con gli scolli, che sono monacali davanti e generosi sulla schiena fino al limite del conveniente. Oppure asimmetrici e allusivi, evidenziato talvolta da una sottile monospallina. Curiosità e attrazione della passerella Versace - per la quale la magnifica modella brasiliana ha sfilato in esclusiva - sono stati i seni di Fernanda Tavares, decisamente scoperti in un abito magnifico.

Viene da chiedersi se indossare un abito lungo senza scollature o abbottonarsi la camicetta sarà ancora ammesso senza passare da monache di clausura e gelide reazionarie demodé. Ma anche cosa ci resterà da mostrare nei dopocena, se già davanti ai tagliolini al salmone il lume di candela avrà illuminato e fatto ammirare al nostro cavaliere tutte le grazie di cui disponiamo, senza lasciare nulla all’immaginazione. O forse davvero uscire a fare due passi a seno nudo è un’esperienza che dobbiamo provare? Fateci sapere la vostra opinione rispondendo al nostro sondaggio di oggi o scriveteci il vostro parere in message board.



Tag:


Presente in:

Moda - Look

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)