Musica: estate in jazz

Musica - Jazz



Non solo rock. Da qualche anno a questa parte anche i grandi nomi del jazz, la musica afroamericana per eccellenza, stanno riscoprendo con piacere la nostra penisola. Merito di rassegne che hanno ormai valicato i confini nazionali, la più celebre delle quali rimane Umbria Jazz, da un quarto di secolo appuntamento fisso per gli appassionati. Ma molte ne sono nate di recente. Ecco una guida ai migliori festival dell’estate sulle note del jazz.




Si parte proprio da Umbria Jazz, in programma dal 13 al 21 luglio a Perugia, con una scorpacciata di concerti (130!) a tutte le ore del giorno e della notte, nei club per strada e nei teatri. Tra quelli da non perdere assolutamente segnaliamo il doppio concerto del chitarrista Marc Ribot con ospite Vinicio Capossela (il 13), quello del sassofonista inglese John Surman e del Wayne Shorter Acoustic (il 14), il trio formato da Enrico Rava, Paolo Fresu e Gato Barbieri (il 17), i pianisti Brad Mehldau e Ahmad Jamal con i rispettivi trii (il 19), il grande ritorno del pianista Keith Jarrett con Gary Peacock e Jack DeJohnette (il 20) per chiudere con la serata di Paolo Conte con lo show Razmatazz (il 22). Insolita la serata del 16 con la prima della Parsons Dance Company che balla sulle note del capolavoro di Miles Davis “Kind of Blue”.




In pieno svolgimento è invece il festival marchigiano Fano Jazz By The Sea, giunto quest’anno alla nona edizione. Che questa sera, nella medioevale Corte Malatestiana, prevede il concerto della band del chitarrista John Scofield. Domani al Teatro della Fortuna, sarà la volta dei quartetti di Joshua Redman, uno dei sassofonisti più in vista delle ultime generazioni, e di Bill Frisell: il chitarrista di Baltimora, considerato il più innovativo specialista odierno delle sei corde. L’abbinamento sax-chitarra si ripeterà anche domenica 8, nella serata di nuovo alla Corte Malatestiana, con un omaggio, dal titolo Chasin’ The Gypsy, dedicato al leggendario chitarrista gitano Django Reinhardt dal sassofonista James Carter e con il supertrio Gateway, formato dal chitarrista John Abercrombie, dal contrabbassista inglese Dave Holland e dal batterista Jack DeJohnette.



A fine mese, dal 25 al 27 luglio, tocca al Ravenna Jazz 2001, uno dei festival storici giunto alla 28ima edizioni. Molte commistioni quest’anno, che vanno dal Gato Barbieri Complete Reunion (il 25) al jazz a tinte ebraiche dei Klezmatics (il 26), dal Marc Ribot e Los Cubanos Postizos (sempre il 26) al duo Charlie Mariano/Rita Marcotulli (il 27), sino al progetto del chitarrista brasiliano d’avanguardia Arto Lindsay, assieme a Vinicius Cantuária. Jazz e contaminazioni anche per il No Borders Music Festival di Tarvisio (UD), che oltre al Chick Corea New Trio (il 15 luglio) e al Charlie Haden Quartet West (il 20), propone in apertura il “Clandestino” Manu Chao (il 12), Eagle Eye Cherry (il 14) e George Benson (il 19).

In varie località del Veneto si tiene invece l’ Euromeet Jazz Festival, con una trentina di concerti in totale. Appuntamento clou di questa nona edizione sono con la cantante brasiliana Tania Maria (il 19 luglio a Cittadella), con il pianista Herbie Hancock (il 27 luglio a Bassano del Grappa), con la Gil Evans Orchestra (sempre a Bassano il 25) e con il trombettista Roy Hargrove in un omaggio al grande Miles Davis (il 30 a Castelfranco Veneto). Infine chiudiamo con uno dei festival più originali. E’ “Suoni dalle Dolomiti” che sino al 19 agosto propone concerti sulle malghe e i rifugi di montagna. Da non perdere, domani sera, quello del sassofonista norvegese Jan Garbarek con l’Hilliard Ensemble, il più versatile quartetto vocale classico oggi sulle scene, a Villa Welsperg (Parco di Paneveggio), ai piedi delle Pale di San Martino.



Tag:


Presente in:

Musica - Jazz

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)