Musica: i dinosauri del rock

Musica - Rock



Uniti per sempre, sin che morte non ci separi. No, non è una promessa di matrimonio, ma è quello che sta accadendo a molte band nel mondo della musica. Capaci di restare saldamente alla ribalta per decenni. Veri “dinosauri” del rock, ultrasessantenni ascoltati da almeno tre generazioni e che continuano, inossidabili, a tenere concerti in mezzo mondo. Dimostrando davvero che il rock non ha età.




La descrizione calza a pennello con la band sicuramente più longeva in assoluto, i “mitici” Rolling Stones di Mick Jagger e Keith Richards, il primo 59 anni a luglio il secondo a dicembre (ma il batterista Charlie Watts ne ha già 61). Che proprio un paio di settimane fa hanno lanciato il loro ennesimo tour mondiale di una carriera iniziata nel 1963. Un anno intero di concerti, a partire dal prossimo 5 settembre, con l´esordio a Boston, con una “prima assoluta” in Cina. Sempre a settembre uscirà il loro nuovo album, una raccolta di vecchi brani unita a pezzi nuovi ancora in elaborazione.




Proprio durante la presentazione del tour qualcuno ha ricordato a Jagger, la cui fama di donnaiolo rimane immutata, una frase che lui disse nel 1970: «Se dopo i 40 anni canterò ancora Satisfaction mi potrò anche suicidare». Mick ha sorriso e con tipico british humour ha risposto: “Infatti. Non credo proprio che faremo Satisfaction durante questo tour...”.



Ma la febbre intorno ad alcune band storiche resta davvero alta. Negli Usa la reunion di Crosby, Still, Nash & Young - mitico quartetto della West Coast - si è venduta per un milione di dollari a data. A fine mese, invece, torneranno a suonare dal vivo in Italia i Supertramp, gloriosa band inglese formatasi nel 1969 e giunta al successo con l’album “Breakfast in America”. Saranno a Bologna (21 giugno), Roma (22 giugno), Milano (24 giugno), Conegliano Veneto (25 giugno) e Torino (26 giugno).




Ma la stagione del revival colpisce anche da noi. I Nomadi del compianto Augusto Dalio, scomparso nel 1995 a 48 anni, a distanza di 40 anni dai loro esordi, sono tornati prepotentemente in testa alle classifiche con l’ultimo disco “Amore che prendi”. La voce carismatica di Daolio non c’è più ma resiste il tastierista Beppe Carletti, classe 1946, unico rimasto dei fondatori.




Per finire una curiosità. Parliamo di “dinosauri del rock” e spiritosamente c’è stato qualcuno che ha addirittura dato ad un dinosauro il nome di un musicista rock. L´insolito onore è toccato a Mark Knopfler, ex leader dei Dire Straits e ora solista di successo, che alcuni paleontologi americani hanno deciso di celebrare imponendo il suo cognome alla loro ultimissima scoperta: il Masiakasaurus knopfleri, un predatore vissuto verso la fine del Cretaceo, tra i 70 e i 65 milioni di anni fa, nella parte nord occidentale del Madagascar.



Tag:


Presente in:

Musica - Rock

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)