Occupazione: crescono le donne

Economia - Lavoro



Il mondo del lavoro si colora sempre più di rosa. Una conferma arriva dagli ultimi dati sull´occupazione pubblicati dall´Isfol, l´Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori. Tra l´aprile del ´99 e lo stesso mese di quest´anno, infatti, dei 313 nuovi posti di lavoro ben 209 mila sono stati assegnati a donne. Un dato confortante, ma che non elimina ancora del tutto le disparità esistenti tra uomini e donne.

Ad avvantaggiarsene di più sono state soprattutto le donne tra i 35 i 54 anni, che hanno fatto segnare 159 mila assunzioni, segno che l´occupazione rosa arriva soprattutto con l´età della maturità. Le più giovani, dai 15 ai 24 anni, non sono comunque rimaste a guardare, facendo registrare un incremento di 13 mila occupate in più, a differenza dei ragazzi, scesi invece di 34 mila unità.

Il boom dell´occupazione femminile tocca soprattutto i contratti a tempo indeterminato (+161 donne contro i +14 mila uomini) e quelli a part time (+159 mila donne contro +61 mila uomini). E per quest´ultima forma di contratto quest´anno sono in arrivo sgravi per 200 miliardi per le aziende che assumeranno lavoratori in part time. Le agevolazioni riguardano essenzialmente una riduzione dell´aliquota contributiva a carico dei datori di lavoro per tre anni.

Ma dove finiscono a lavorare le donne? Il settore che ha visto il più forte incremento è quello impiegatizio (+128 mila donne contro +55 mila uomini), ma crescono anche le operaie (+67 mila donne e -26 mila uomini) e le artigiane (+11 mila donne mentre gli uomini scendono di 89 mila unità). Restano invece ancora nelle mani degli uomini i settori della pubblica amministrazione, dei trasporti e della difesa, anche se stanno crescendo i contratti a tempo indeterminato per le donne (85 per cento contro il 65 per cento degli uomini).



Tag:


Presente in:

Economia - Lavoro

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)