Omeopatia: ai bambini meglio di no.

Medicina - Omeopatia



E’ di nuovo scontro sull’omeopatia. Dopo che il Comitato nazionale di bioetica, in un documento votato lo scorso 18 marzo, ha dato parere negativo sulle cure alternative somministrate ai bambini. In realtà, non si tratta di un parere vincolante, ma solo di un appello ai pediatri di non sottovalutare la questione, preferendo sempre nel caso di problemi seri, cure tradizionali, come gli antibiotici.



Appello che, sicuramente, non sarà privo di conseguenze, visto il grande boom di cure non convenzionali utilizzate nel nostro paese. Gli italiani che ricorrono abitualmente alla medicina alternativa, soprattutto omeopatia secondo gli ultimi sondaggi, sono ben 9 milioni. E i bambini curati a questo modo sono già uno su dieci (10,4%). Per questo Francesco D’Agostino, presidente del comitato di bioetica, ha scelto la via del compromesso.



“Sì alle medicine alternative per gli adulti – si legge nel documento -, purché vengano informati su tutte le opportunità terapeutiche tradizionali. Non dovrebbero invece essere prescritte ai bambini, se non per patologie molto lievi, che hanno alta probabilità di guarire spontaneamente”. Frase che non ha messo tutti d’accordo, nemmeno all’interno dello stesso comitato di bioetica. Luisella Battaglia, ordinario di filosofia morale a Genova, ha detto: “Mi sembra un compromesso accettabile, ma non chiamiamole alternative, meglio dire non convenzionali. In quanto al paragrafo sui bambini, lo trovo imbevuto di paternalismo”.



Sui problemi che le medicine omeopatiche possono procurare ai pazienti più piccoli se ne è parlato e si parlerà ancora a lungo. Nel documento del comitato di bioetica si parla di interferenza di questi trattamenti con i farmaci chimici, citando ad esempio i pericoli insiti nell’abbinamento della fitoterapia con le cure tradizionali (come nel caso dell’ipericum con la pillola concezionale). Non senza una punta di contraddizione rispetto al consiglio dello stesso comitato di prescrivere cure tradizionali per le patologie più gravi, lasciando campo libero su queste più lievi.




Tag:


Presente in:

Medicina - Omeopatia

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)