Omosessualità: nasce la gay-tv

Cinema - Film



Anche omosessuali e lesbiche avranno la loro pay-tv. Lo ha rivelato il quotidiano americano New York Times, secondo cui il nuovo canale, lanciato da Mtv Networks e Showtime, tv via cavo del colosso Viacom, dovrebbe partire entro la fine del 2002. La gay-tv per ora non ha nome, ma è certo che trasmetterà 24 ore su 24 programmi interamente dedicati ad omosessuali e lesbiche, dai telegiornali ai varietà, dai film ai talk show sino ai giochi a premi. Al costo di 5 dollari al mese, relativamente basso visto che alcune televisioni (Hbo e Cinemax) arrivano a far pagare il loro canone mensile 13 dollari al mese.




Obiettivo dichiarato dei proprietari, quello di arrivare a toccare un pubblico potenziale pari al 5 per cento del mercato televisivo (che ha già il suo serial in prima serata, la fiction inglese “Queer as folk” , con protagonisti tre gay di Manchester, che doveva andare in onda anche in Italia su La7 ma che è stata bloccata). “Ci stavamo pensando dall´inizio degli anni ´90 - spiega Betsy Falk, vicepresidente della Mtv Networks -, i tempi adesso sono più che maturi” . Talmente maturi che, secondo una recente indagine di mercato citata sempre dalla Falk, l’idea avrebbe già l´unanime entusiasmo del popolo gay americano, stimato in 10 milioni e mezzo di persone.




Ma non solo di loro. Da tempo anche aziende e pubblicitari , che si sono accorti del potenziale nascosto che si cela dietro gli omosessuali, li stanno corteggiando. Hanno un potere d´acquisto annuo di oltre 350 miliardi di dollari (380 miliardi di euro) e secondo Matt Farber, consulente della nuova tv., “sono tra i consumatori più facoltosi, spendaccioni e fedeli, e da 10 anni sono anche una delle forze motrici della cultura popolare”.



Non è per caso, quindi, che l’azienda americana produttrice di succo d’arancia Minute Maid (del gruppo Coca Cola), abbia di recente lanciato uno spot che fa discutere per i suoi contenuti, non tanto velatamente, gay. Protagonisti sono Braccio di Ferro e il suo acerrimo nemico Bruto che, invece di prendersi a cazzotti, si comportano come due teneri amanti. Si spingono l’un l’altro sull’altalena, pedalano insieme su un tandem ed alla fine si fanno tatuare sui bicipiti la scritta “compagni per la vita”.




Resta da vedere come reagirà a questa tendenza la destra religiosa e ultraconservatrice americana. I suoi leader, Pat Robertson, Pat Buchanan e Jerry Falwell, che hanno aiutato George Bush ad essere eletto presidente, che hanno sempre dichiarato di vedere l´omosessualità come un peccato contro natura. Il reverendo Jerry Falwell, inoltre, ha fatto scalpore dichiarando che l’attacco terroristico dello scorso 11 settembre “è la punizione di Dio contro l´America per aver tollerato il femminismo, i gay e le lesbiche”.



Tag:


Presente in:

Cinema - Film

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)