Paypal lancia la guida 2007 del commercio elettronico sicuro.

Economia - Banca



Anche se i dati della diffusione del commercio elettronico in Italia sono sempre più importanti (con oltre 6 milioni di italiani che acquistano online), rimane comunque tra i nostri connazionali una certa dose di sfiducia, per la paura di essere truffati o di incappare in furti telematici. Ma è possibile proteggersi rispetto ai pure remoti rischi di frode acquistando online?


PayPal (società del Gruppo eBay) sostiene di sì e mette a disposizione di chi acquista online alcune semplici regole illustrate nella Guida 2007 al commercio elettronico sicuro. L’opuscolo si pone l’obiettivo di suggerire le principali norme per acquistare e vendere online in sicurezza evitando truffe, frodi e furti; i destinatari della guida sono sia gli utenti esperti che coloro che si avvicinano all’e-commerce per la prima volta.


Per sviluppare questa guida, PayPal ha indagato sui comportamenti a rischio adottati dagli utenti: ne è emersa prima di tutto la tendenza ad agire negli acquisti sul web senza quel buonsenso che è invece alla base degli acquisti tradizionali. La facilità e velocità dell’acquisto online spesso inducono il consumatore a dimenticarsi delle regole che si mettono in pratica negli acquisti abituali, aspettandosi che sia solo il commerciante ad occuparsi della sicurezza e della protezione del processo d’acquisto. Molti utenti, infatti, non adottano su web le medesime precauzioni che usano invece, in modo quasi automatico, “offline”, cadendo in comportamenti a rischio come, ad esempio, scegliere la stessa password per più account, rendendola così facilmente intuibile ed accessibile, oppure che non siano tracciabili e che non offrano programmi di protezione degli acquirenti. Capita inoltre spesso che, comprando via internet, non ci si interroghi sulla serietà del commerciante e non si facciano le dovute verifiche sulla sua affidabilità, comportamento invece scontato quando si acquista di persona. Infine, un altro errore classico nell’e-commerce è la mancanza di controllo rispetto al prodotto a cui si è interessati e al rapporto qualità/prezzo dell’oggetto in vendita, cadendo nella trappola dei falsi solo per non aver diffidato di prezzi decisamente troppo “convenienti” rispetto al reale valore della merce.


La realtà online non è così diversa da quella offline: va dunque approcciata con lo stesso buonsenso. Ad esempio, per evitare il phishing (accesso a dati personali attraverso messaggi mail fasulli), frodi e furti d’identità gli utenti devono essere accorti come negli acquisti tradizionali, come quando controllano la cifra battuta sullo scontrino prima di firmare o digitare il codice PIN, pagando con carta di credito o bancomat in un negozio, oppure quando decidono di non acquistare per strada da venditori che non conoscono e che non sono in grado di fornire garanzie.


Internet è diventato ormai uno strumento essenziale nella vita lavorativa e sociale, non solo per il facile reperimento di informazioni, ma anche per la ricerca e l’acquisto di vari prodotti. Tra i vantaggi del commercio elettronico rispetto alla normale vendita al dettaglio c’è il risparmio economico, l’offerta di un servizio continuato ventiquattro ore su ventiquattro, la possibilità di confrontare facilmente prodotti e prezzi e la velocità di acquisto. L’utilità ed i vantaggi di internet sono ormai assodati e conosciuti.


Il messaggio più forte che emerge dalla Guida PayPal è che internet, se usato nel modo corretto, è un mezzo sicuro. “La crescita a volte forzata e poco consapevole delle nuove tecnologie della comunicazione ha sviluppato presso l´utenza un generale senso di sfiducia che si riflette negativamente sulle attività produttive svolte in rete. Per contro, le tecnologie di sicurezza sinora sviluppate consentono lo svolgimento di operazioni nel mondo virtuale il cui livello di sicurezza non è assolutamente inferiore a quello del mondo reale”, afferma Danilo Bruschi, Professore Ordinario d’Informatica dell’Università degli Studi di Milano. “Partendo da questo dato oggettivo è necessario un ripensamento generale delle strategie di coinvolgimento degli utenti, che da una parte veda gli stessi consapevolmente e responsabilmente coinvolti e dall´altra i fornitori di servizi impegnati in un programma di sicurezza che sappia fornire le necessarie garanzie alle aspettative degli utenti.”


La guida 2007 al commercio elettronico sicuro può essere scaricata facilmente in forma completa o sotto forma di semplice vademecum con le 12 regole base, dal sito di PayPal.


Tag:


Presente in:

Economia - Banca

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)