Pedofilia: l´orrore nella rete.

Cultura - Attualità



Bimbi nella rete. Sono quelle migliaia le cui immagini compaiono, indisturbate, nei moltissimi siti del mare magnum di Internet. I dati sono impressionanti. L´Associazione Telefono Arcobaleno, nel solo 1999, ha identificato (e denunciato) ben 7650 siti pedofili, con circa 200 mila foto e 1500 filmati. I server provider che immettono in rete le immagini pedo-pornografiche provengono per il 55 per cento dagli Stati Uniti, per il 13 per cento dai paesi dell´Est, per il 20 per cento da paesi asiatici, per il 7 per cento da paesi europei (tra cui anche alcuni italiani) e per il 5 per cento dal Medioriente.

Sempre secondo l´associazione guidata da don Fortunato di Noto, il giro d´affari innescato dalla pedofilia in rete si aggirerebbe sulle migliaia di miliardi di lire l´anno. E non sfuggono al turpe mercato di immagini di minori anche siti celebri come Xoom.com, uno dei più noti servizi di offerta di spazi gratuiti sul web, che ha ospitato un centinaio di pagine con contenuto pedofilo. Molte delle immagini, è giusto che si sappia, sono di una crudezza sconvolgente. Mostrano, infatti, scene di accoppiamenti in tutte le posizioni di adulti con bambini e bambine, piccoli brutalizzati e costretti a subire violenza, volti nei quali traspare fin troppo evidente il terrore.

Altri dati, da brividi, segnalati sempre da Telefono Arcobaleno. Il prezzo medio per le fotografie vendute in rete è di 30 dollari, 100 per quelle più rare (sadomaso, violenza, rapporti con animali), 250-300 mila è il costo per accedere ai film hard. L´età dei bambini varia dai 3 mesi ai 12 anni; il 90 per cento del totale sono bimbi bianchi. Tra i paesi maggiormente coinvolti nel traffico di pornografia infantile via Internet ci sono i democraticissimi Usa, la Russia, il Giappone ed il Brasile. Gli italiani, spesso, si appoggiano ai server di questi paesi. Secondo Telefono Arcobaleno, poi, è obsoleta l´immagine del pedofilo via Internet quale figura del maniaco-criminale isolato; al contrario esiste una vera e propria comunità allargata e molto stratificata.

Non è facile parlare di questo argomenti, ma è proprio questa l´arma utilizzata dai pedofili. Che continuano ad approfittare, indisturbati, della sgradevolezza nel solo trattare di questi temi. Che, troppo spesso, può portare nella gente comune al rifiuto o alla rimozione dell´argomento. Per questi motivi la realtà messa alla luce da Telefono Arcobaleno rappresenta sicuramente solo una parte infinitamente piccola dell´enorme lavoro che ancora resta da fare e che richiede la collaborazione di quanti ogni giorno frequentano la rete. Chi dovesse casualmente imbattersi nel corso della navigazione quotidiana in siti di questo genere può denunciarli al numero verde 800 025 777.



Tag:


Presente in:

Cultura - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)