Prima giornata nazionale anti - contraffazione

Società - Politica
La contraffazione in Italia vale infatti 7 miliardi euro e 130mila posti di lavoro non creati, senza considerare la mancanza di entrate fiscali per 5 miliardi.

La contraffazione in Italia vale infatti 7 miliardi euro e 130mila posti di lavoro non creati, senza considerare la mancanza di entrate fiscali per 5 miliardi.

La contraffazione industriale e commerciale rappresenta oggi circa il 7% del commercio mondiale. Il giro d’affari generato da questo fenomeno sta seriamente minacciando l’economia e il suo sviluppo. Oltre al danno economico, notevole, il prodotto contraffatto costituisce anche una minaccia per la sicurezza e la salute dei consumatori.

Il Made in Italy è il più colpito. Lo scorso anno la Guardia di Finanza ha sequestrato in Italia oltre 112 milioni di prodotti falsi, registrando, solo nei primi nove mesi, un’impennata nel settore moda con oltre 19,5 milioni di pezzi requisiti.




Confindustria è in prima linea nella lotta a questo fenomeno che colpisce da vicino i più esclusivi settori produttivi italiani: dal comparto moda, all’occhialeria e alla pelletteria fino all’alimentare.



Confindustria è in prima linea nella lotta a questo fenomeno che colpisce da vicino i più esclusivi settori produttivi italiani: dal comparto moda, all’occhialeria e alla pelletteria fino all’alimentare.<br />
<br />

Una realtà che va combattuta e Numeri non da poco che mostrano come la contraffazione sia divenuta ormai un settore economico a parte, che necessita di interventi decisi per essere contrastata. Con la prima giornata nazionale anticontraffazione del 7 luglio si è voluto mettere in evidenza il problema: convegni, manifestazioni e eventi anche di forte impatto scenografico hanno animato l’Italia.

La giornata ha come obiettivo primario quello di sensibilizzare sia le imprese sia i cittadini sul fenomeno della contraffazione e intende essere un punto di partenza fondamentale per ulteriori concrete iniziative, a livello politico-europeo, che contrastino il mercato del falso, iniziative che si rendono necessarie alla luce degli ultimi dati sul fenomeno.




distrutti, con una schiacciasassi, oltre 5000 paia di occhiali contraffatti, insieme a vetri di Murano e scarpe".

distrutti, con una schiacciasassi, oltre 5000 paia di occhiali contraffatti, insieme a vetri di Murano e scarpe".

Sono stati moltissimi gli incontri e i dibattiti dedicati al tema in tutta la Penisola.

L’occhialeria italiana ha ormai da tempo preso coscienza di questo fenomeno. «A Venezia abbiamo scelto di dar vita a una importante azione dimostrativa di protesta», afferma il Cav. del Lav. Vittorio Tabacchi, Presidente di ANFAO. «In una piattaforma galleggiante di fronte a Palazzo Labia, in Campo San Geremia, sono stati


Borse, cinture e portafogli appoggiati su lenzuola bianche fatte letteralmente a pezzi. Questa l´iniziativa di Aimpes (Associazione Pellettieri Italiani), che ha così partecipato attivamente alla giornata con un´azione fortemente dimostrativa organizzata a Firenze.




Secondo un´analisi della Coldiretti, il giro d´affari del falso Made in Italy alimentare è intorno ai 60 miliardi.

Secondo un´analisi della Coldiretti, il giro d´affari del falso Made in Italy alimentare è intorno ai 60 miliardi.

Cinquantamila coltivatori ed allevatori della Coldiretti hanno assediato i valichi di frontiera ed i principali porti (da Ancona a Salerno a Gioia Tauro a Bari a Messina) per difendere il Made in Italy a tavola. A conclusione della giornata, nel tracciare un bilancio solo ai valichi di frontiera del Brennero e del Frejus sono stati scoperti quasi 15mila cosce di maiale provenienti dal Nord Europa e destinati a diventare prosciutti italiani, milioni di litri di latte dalla Germania diretti verso stabilimenti per essere  trasformati come formaggi italiani, ma anche pesto tedesco, mele argentine e kiwi cileni da “nazionalizzare”.

All´estero sono irregolari tre prodotti italiani su quattro. L´associazione insiste per l´approvazione della normativa sull´etichettatura obbligatoria.


Questo primo appuntamento si propone di diventare un evento annuale per dare un messaggio molto forte:  l’Italia e il suo sistema produttivo hanno deciso di lavorare in sinergia per fare fronte comune contro il fenomeno della contraffazione.




Tag:


Presente in:

Società - Politica

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)