Rico e sonny sul grande schermo.

Cinema - Film



Da tre decadi, Michael Mann è uno dei filmmaker più avvincenti, e il suo livello artistico è rimasto costante, esercitando un´influenza indelebile sul cinema. I suoi film di gran classe, da Manhunter a Heat, da The Insider a Collateral, esplorano le complicate dinamiche e a volte i labili confini tra i criminali e quelli che lottano per mantenersi un passo avanti a loro, anche a rischio di perdere il senno.


Nel 2006, Mann torna alle origini della propria carriera che ha le sue radici in un classico della televisione: Miami Vice. Secondo quanto afferma lo scrittore F.X.Feeney nel suo libro Michael Mann (Taschen, 2006), “dopo Collateral, Mann non ha perso tempo e, come progetto successivo, ha scelto subito Miami Vice. Ciò che lo aveva affascinato della serie nel 1984 – la realtà della vita dell’agente in incognito – è altrettanto presente nel nostro nuovo millennio globalizzato. L´interesse di Mann nel raccontare una storia di un mondo sotterraneo, collegato da scambi di vario genere”, continua Feeney, “è legato al fatto che il traffico di droga, armi, software piratato, medicinali contraffatti e persino di esseri umani attraverso le varie frontiere internazionali sia oggi una routine”.


A metà degli anni Ottanta, la serie televisiva Miami Vice, con l’episodio pilota firmato dall´ideatore dello show Anthony Yerkovich, rivoluzionò il genere. Traendo ispirazione creativa dal lavoro di Michael Mann, Miami Vice divenne una delle serie più innovative nella storia della televisione, lanciando un nuovo modo di concepire e realizzare questo genere di show. Come aveva sottolineato all´epoca il critico di Film Comment, Richard T. Jameson, “è difficile non ritrovarsi a dire più o meno ogni cinque minuti ‘Non posso credere che questo è stato girato per la TV!’”.


Oggi il regista torna alla sua “nuova Casablanca”, Miami, dove il traffico di droga dal terzo mondo si interseca con il complesso multimiliardario dei giganti dell´industria – per il primo esame di post millennio di ciò che è e di come appare il crimine globalizzato – con un adattamento per il grande schermo, ambientato al giorno d´oggi, di Miami Vice, senza i limiti imposti dalla televisione. I panni dei poliziotti-detective Sonny Crockett e Ricardo Tubbs, che Mann aveva contribuito a creare, sono vestiti da Colin Farrel e dal vincitore del premio Oscar Jamie Foxx, che per prepararsi alla parte si sono sottoposti ad un duro addestramento ed hanno partecipato a varie azioni simulate insieme agli agenti in incognito della DEA, dell´FBI, dell´ATF, del Dipartimento di Polizia di Miami-Dade (compresa l´unità S.W.A.T.) e degli agenti di polizia di frontiera e dell´immigrazione (ICE), gente che in prima persona si muove nel pericoloso mondo del traffico illegale internazionale.


Nel film Crockett e Tubbs sono coinvolti nel caso dell’omicidio di due agenti federali e a quello della famiglia di un amico informatore. L’indagine porta i due poliziotti-detective dritti alla porta di uno spietato assassino della gang Aryan Brotherhood e di un sofisticato network di trafficanti a livello globale protetti da un servizio di sicurezza di primissimo ordine. Durante la caccia, i due partner incontrano la bellissima Isabella, figlia del responsabile cino-cubano delle finanze del cartello (Gong Li, Memorie di una Geisha), una donna che sposta, ricicla ed investe il denaro. La seduttrice offre a Crockett l´opportunità di esorcizzare i propri demoni personali mentre questo cerca di proteggerla dalle forze del male … mentre i nuovi amanti imparano chi sta da quale parte e chi si stia innamorando di chi. Allo stesso tempo, lo stoico Tubbs si infiltra nell´elusiva impresa criminale continuando a tenere d´occhio in maniera protettiva la sua ragazza, un´analista di computer di nome Trudy, (Naomie harris, Pirati dei Caraibi: La maledizione del forziere fantasma). Mentre Crockett e Tubbs lavorano sotto copertura trasportando carichi di droga nel sud della Florida, si prodigano per identificare il gruppo responsabile dell´uccisione dei loro amici e allo stesso tempo indagano sul Nuovo Ordine del Mondo Clandestino (New Underworld Order). Nel corso della loro missione infrangono molte volte la legge dimenticando non solo da che parte sia il mondo reale, ma anche da che parte della legge dovrebbero trovarsi…


Il cast straordinario che accompagna i due protagonisti di Miami Vice include Ciaran Hinds (Munich) nel ruolo dell´Agente Speciale dell´FBI Fujima, Justin Theroux (Mulholland Dr.) nei panni del collega poliziotto-detective Zito, Barry Shabaka Henley (Collateral) in quelli del Tenente Castillo, Elizabeth Rodriguez (Dead Presidents) nel ruolo del Detective Gina Calabrese, John Ortiz (Narc) in quello del mediatore nel traffico di droga José Yero, e Luis Tosar (Cargo) nel ruolo del plutocrate apolide Montoya.


Tag:


Presente in:

Cinema - Film

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)