Sauna a vapore: benefici e consigli.

Bellezza - Benessere



“Regola l’equilibrio termocircolatorio corporeo. Gli scambi termici tra corpo e ambiente saturo di vapore hanno il pregio di mantenere l’equilibrio termico del corpo (interno-esterno, viscere-pelle) e conducono alla stabilità termica che favorisce una buona traspirazione”. Lo sosteneva Manuel Lezaeta Acharan, naturopata (1881-1959) e assertore del lavaggio del sangue attraverso la sauna di vapore. La metodica consiste in un’alternanza di calore accumulato per mezzo del vapore e di applicazioni d’acqua fredda su tutto il corpo. Lo scopo è stimolare e regolare: il risveglio dell’attività nervosa accelera il ricambio organico per una totale rigenerazione delle cellule.


L’alterazione organica, insegnava il naturopata, nasce dallo squilibrio della struttura cellulare umorale. Il sangue, caricato di sostanze tossiche, diventa dannoso per gli organi che nutre, soprattutto se indeboliti, causando infiammazioni, congestioni e mettendo in moto un meccanismo che va ad intossicare l’organismo. L’eliminazione del calore interno del corpo si realizza tramite la secrezione delle ghiandole sudoripare e una sudorazione si definisce sana, quando esiste il fenomeno dell’evaporazione. Tale fenomeno è possibile solo se la pelle è calda: condizione necessaria per eliminare i cataboliti.


Anche oggi gli esperti di salute e benessere sono concordi: “con la sauna di vapore è possibile eliminare più facilmente le tossine dall’organismo e favorire una buona vascolarizzazione dei tessuti, risvegliandoli. L’avvicendarsi del caldo e del freddo, in un locale saturo di vapore, può infatti stimolare una spontanea ginnastica vasale e migliorare la permeabilità delle pareti dei vasi stessi, ottimizzando, di conseguenza, la nutrizione e l’ossigenazione dei tessuti. Questa naturale stimolazione del ricambio organico associata all’aumento della termogenesi e alla sudorazione favorite dal caldo vapore, può essere un metodo ideale da associare ad un’equilibrata alimentazione ed all’attività fisica per raggiungere o mantenere il peso forma”, afferma la nutrizionista Evelina Flachi.


“Il vapore caldo aiuta a mantenere in salute non solo l’epidermide, ma anche l’intero organismo, depurandolo non solo dalle tossine, ma anche dall’inquinamento delle città. Attraverso la sudorazione, infatti, oltre all’acqua e ai sali, si eliminano da pelle e polmoni anche i metalli pesanti che compongono lo smog, spesso fonte di irritazioni ed allergie. Grazie al calore, inoltre la muscolatura si decontrae dando un benefico rilassamento psico-fisico, assai utile, considerando lo stress giornaliero a cui tutti siamo sottoposti. E quando si parla di stress è bene sottolineare che è una vita vissuta di corsa ad inficiare il buon funzionamento organico, oltre che psicologico, con un aumento dei radicali liberi, imputati di tutte quelle patologie legate all’avanzare dell’età ma anche connesse con l’industrializzazione”, dichiara la Dottoressa Anadela Serra Visconti (Medico Chirurgo, Esperta in Medicina Estetica).


La sauna di vapore contribuisce, inoltre, a un maggior dispendio energetico con una conseguente diminuzione della massa grassa e dei tessuti infiammati (cellulite). Un beneficio che tende ad aumentare se è seguito da un massaggio mirato. L’utilizzo del bagno di vapore, infine, ha la prerogativa, proprio per la forte umidità, di non produrre disidratazione dei tessuti.


Ben venga la sauna di vapore a chi ha l’epidermide disidratata o desquamata, oppure a chi ha una pelle matura o a chi si sottopone alle lampade UVA o fa bagni solari troppo prolungati. Ma anche chi vive perennemente in ambienti rinfrescati dai condizionatori o chi subisce repentini cambi di stagione, trae giovamento dalla benefica metodica antica quanto l’uomo.


Esistono alcune buone e semplici regole per affrontare la sauna di vapore: mai sottoporvisi a stomaco pieno, ma sempre a intestino sgombro. Il periodo migliore per la sauna di vapore è il mattino. Un fisico riposato risponde meglio alle variazioni termiche. Le pulsazioni non devono superare i 75-80 battiti al minuto, dato che, durante il trattamento, i battiti cardiaci aumentano fino anche a 120 pulsazioni. Sottoporsi alla sauna di vapore con una frequenza cardiaca maggiore significa pertanto una possibile congestione respiratoria e un affaticamento cardiaco.


L’ambiente esterno alla sauna di vapore, poi, deve essere areato e non freddo (24-27°C circa). Non bisogna mai oltrepassare i 20 minuti di sauna di vapore indi si praticano le abluzioni con frizioni fredde (in totale dalle 6 alle 7 volte circa tra entrate e uscite dalla sauna di vapore). Occorre asciugarsi e coprirsi. Stendersi in posizione supina per la reazione del calore (dai 15 ai 30 minuti). Una buona norma è terminare il trattamento consumando una tisana, o un succo o una spremuta di frutta fresca.


Tag:


Presente in:

Bellezza - Benessere

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)