Sesso: quando il mal di testa non è finto

Psicologia - Sesso



Stasera non ce la faccio, ho mal di testa . E´ una delle frasi preferite quando, nell´intimità, uno dei due non ne ha assolutamente voglia . Ma, secondo gli ultimi studi, potrebbe non essere solo una scusa per evitare un rapporto sessuale poco gradito. Il mal di testa da sesso è infatti un disturbo reale di cui soffre almeno mezzo milione di americani. Nel dubbio quindi se il vostro partner finge per evitare il proprio dovere o soffre davvero di questa patologia, vediamo di cosa si tratta.


C´è ben poco da scherzare su questo tipo di mal di testa - ha affermato, con un certo allarmismo, il dottor David Haas , professore di Neurologia all´università di New York, uno dei primi a parlare di questa malattia - il dolore compare rapidamente e in maniera molto intensa . Nonostante le ricerche, non c´è ancora accordo fra gli studiosi sulla causa di questa patologia, anche se è stata osservata una certa predisposizione da parte di chi soffre di altri tipi di cefalea . Il mal di testa da sesso è stato descritto come una fitta dolorosa che si manifesta alla base del cranio al momento o poco prima dell´orgasmo : il dolore rimane molto intenso per almeno 10 minuti, ma talvolta il fastidio permane anche per un paio d´ore.


La definizione proposta da alcuni di cefalea coitale , secondo Haas, non è del tutto esatta, visto che questo disturbo può comparire anche durante la masturbazione. A soffrirne in netta maggioranza sono i maschi , colpiti nell´80 per cento dei casi segnalati. Manifestazioni dolorose come questa hanno un impatto molto forte sulle persone - ha spiegato la dottoressa Jeannetta Rains, una psicologa che ha condotto studi sul sonno e le cefalee - alcuni pazienti sono spaventati e temono di non riuscire più ad avere rapporti sessuali.

Quasi la totalità dei casi può essere trattata con successo - prosegue la Rains -il primo passo è quello di un breve periodo di astinenza dal sesso (un paio di settimane), ma un aiuto può venire anche dal variare la posizione durante l´amplesso, giocando un ruolo passivo. Importante anche la cura del benessere generale del corpo, con dieta e ginnastica . Se questi episodi sono isolati - conclude il dottor Haas - possono essere trascurati, ma se il disturbo è molto intenso per anche un paio d´ore, allora è il caso di consultare il proprio medico.



Tag:


Presente in:

Psicologia - Sesso

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)