Sesso: trasgressioni letterarie

Psicologia - Sesso



Orge con trenta uomini a disposizione, turismo sessuale sfrenato in Thailandia. Non sono inserzioni su siti dedicati allo scambio di coppie, ma le trame dei due best-seller che stanno sconvolgendo e dividendo la Francia, prossimi all’uscita anche in Italia. Tanto che per loro si parla già una nuova corrente letteraria o di “nuovo realismo” che fa del corpo il personaggio principale del romanzo.




A sdoganare per primo la pornografia e ad inserirla di diritto nell’olimpo letterario è stato Michel Houellebecq, che due anni fa con il suo libro “Le particelle elementari” (Bompiani) descriveva con grande realismo ed efficacia gli eden del sesso libero, i paradisi degli scambisti , che considera luoghi “socialdemocratici” dove regnano gentilezza e rispetto reciproco , in cui anche i poco dotati sono accettati e ammessi al piacere. Nel suo secondo libro, “Plateforme” (in Italia in arrivo da Bompiani) il protagonista apre una serie di villaggi turistici in Thailandia dove sessualmente si può fare tutto e di più.



L’esibizionismo antisentimentale è al centro anche del libro autobiografico di Catherine Millet “La vita sessuale di Chaterine M.” (Mondadori), dove la critica d’arte (dirige la rivista “Art Press” e ha curato l’allestimento del padiglione francese in due Biennali) racconta con particolari minuziosi la sua vita sessuale sfrenata e insaziabile, anche con trenta uomini a notte. Le “partouze” (orge) della Millet sono raccontate in un altro libro, quello del marito Jacques Henric intitolato “Légendes de Catherine M.” , che canta le lodi per l’”oggetto” del suo amore.




Inevitabile il dibattito fra gli addetti ai lavori. C’è ci vi vede la demolizione dei cliché borghesi, chi li definisce “libri eccellenti” come l’intellettuale francese Josyane Savigneau o il guru del giornalismo culturale Bernard Pivot. Chi invece, come la critica di “Lire” Christine Ferniot, giudica la Millet “un’esibizionista che racconta nei dettagli come si fa prendere, da quanti uomini, dove e quando. Propone un libro tecnico e freddissimo nel quale il piacere è assente, mentre conta solo la necessità di partecipare alle orge”.




E tu, cosa ne pensi? Credi che la descrizione delle trasgressioni sessuali possa considerarsi arte o pornografia? Scrivi un tuo parere in message board o rispondi al nostro sondaggio online.



Tag:


Presente in:

Psicologia - Sesso

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)