Shampoo secco

Bellezza - Capelli
Un po´ di storia

Un po´ di storia

 

Lo shampoo secco permette di rimuovere impurità e grasso nei capelli grazie a sostanze lipofile, in grado di emulsionarsi con lo sporco presente nel fusto del capello e conseguentemente di rimuoverle.

Questo metodo presente in moltissimi prodotti moderni, era già conosciuto in tempi antichi in cui si usava la cenere. Il ceneriere, addetto a raccogliere la polvere dei camini, vendeva la sostanza per la produzione di shampoo senza bisogno d´acqua.

 

In tempi più remoti, sino a tre secoli fa, si usava legno di liquirizia, orzo e polvere di talco.

Questo metodo, arrivato sino alle nostre nonne, puliva i capelli rapidamente, ma li lasciava opachi.

I prodotti odierni sono invece fabbricati con elementi più gradevoli come oli, proteine del grano, argilla e polvere di seta, ma non sempre sono di origine totalmente naturale.

Infatti molto spesso vengono inseriti additivi chimici per migliorare profumo e risultato finale in qualità di lucentezza.

 

Occorre quindi prestare molta attenzione all´etichetta dove vengono indicati i principi attivi utilizzati e tutti gli ingredienti.

 

Consigli per usarlo al meglio

 

Data la praticità d´uso, lo shampoo a secco è ideale per le emergenze e per chi, per problemi di salute, non può lavarli spesso con acqua.

Ideale anche d´estate, quando i capelli perdono subito la piega e sembrano sempre sporchi per via di sudore e umidità.

 

Affinché sia efficace, però, occorre che l´ultimo shampoo tradizionale con acqua non sia stato fatto più di una settimana prima. In questo caso infatti la polvere non sarebbe in grado di assorbire tutta la quantità di sporco e impurità che si sono depositate nell´arco di sette giorni.

 

Il prodotto va nebulizzato a distanza di 30 cm in quanto essendo una sostanza polverosa può imbiancare i capelli, rendendoli opachi e non certo bellissimi.

Per riuscire a pulire un po´ anche le radici e il cuoio capelluto è consigliabile vaporizzare una piccola quantità di shampoo secco sui polpastrelli e poi massaggiare come se si stesse effettuando un comune lavaggio.

 

Per distribuire meglio la polvere occorre strofinare bene la capigliatura con le mani o con un panno.

Dopo qualche minuto di posa si dovranno energicamente spazzolare i capelli per rimuovere tutti i residui.

Un ottimo consiglio è quello di usare anche il phon in quanto, pur essendo polveroso e non a base d´acqua, inumidisce leggermente la chioma: solamente così si potrà procedere a una piega perfetta.

Questa tipologia di prodotto è molto utile per chi porta la frangetta, infatti questa parte dell´acconciatura è la prima a sporcarsi, essendo direttamente in contatto con una delle parti del corpo che rilascia più sebo, la fronte.

 

Può essere quindi usato anche solamente su quella parte, se il resto dei capelli è pulito, e grazie alla formulazione in spray l´applicazione risulterà precisa e localizzata.

Occorre tuttavia precisare che lo shampoo secco non è un sostituto totale di quello tradizionale, infatti il cuoio capelluto non risulta perfettamente deterso e occorre eliminare i residui di sebo con l´acqua per un risultato ottimale.

 



Klorane

Klorane

 

Dall´esperienza nasce la soluzione S.O.S. per capelli puliti  in 1 minuto. Senza acqua e sfruttando le qualità degli estratti d’avena e di ortica. 

Fino a giugno 2013 è online sulla pagina Facebook di Klorane Italia il concorso Shampoo Klorane senz’acqua. Per partecipare basta acquistare uno Shampoo Secco Klorane a scelta e registrarsi sulla pagina fb o sul sito di Klorane Italia; postare un consiglio o una foto sull’utilizzo dello shampoo

secco e farsi votare dagli amici. Chi totalizzerà più voti vincerà una vacanza in Nord Africa.

 

Quale usare e avvertenze d´uso

 

Esistono in commercio shampoo a secco adatti a qualsiasi tipo di esigenza come per esempio quelli con azione sebo regolatrice adatta a chi soffre di capelli grassi. Queste tipologie sfruttano l´azione di principi naturali come la calendula e l´ortica, ottimi alleati nella lotta contro l´eccesso di sebo nel cuoio capelluto.

Per le persone allergiche al Nichel esistono anche versioni Nichel-free che sono assolutamente prive di questa sostanza e di conservanti o profumi che potrebbero scatenare irritazioni o allergie.

 

E´ comunque opportuno testare sempre il prodotto prima dell´utilizzo soprattutto se è nuovo e non si sa se può creare irritazioni o allergie.

E´ sufficiente applicare una piccola dose sul polso o sul dorso della mano e attendere 48 ore.

Passati due giorni se non compare nessun sintomo, allora si può tranquillamente procedere all´applicazione su tutta la capigliatura.

 

Anche se esistono prodotti specificatamente indicati per i soggetti allergici, è sempre consigliabile in caso si soffra di dermatite, psoriasi o altre patologie della pelle, consultare il proprio dermatologo prima di usare uno shampoo a secco. In generale, visto che il prodotto è venduto sotto forma di bomboletta, è opportuno usare spray no gas per dare una mano anche all´ambiente.



Tag:


Presente in:

Bellezza - Capelli

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)