Società: la terra salvata dalle donne

Cultura - Attualità



Nei prossimi 50 anni la popolazione mondiale salirà del 50 per cento . Davvero troppo per il nostro piccolo pianeta. Per disinnescare quella che è stata definita una vera “bomba demografica” un ruolo centrale lo avranno le donne, indicate come le “salvatrici della Terra”. Parola dell’Unpfa, il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, che ha presentato il suo ultimo rapporto il 7 novembre scorso a Roma.

I dati presentati sono tutt’altro che rassicuranti. Nel 2050 sulla Terra saremo in 9 miliardi. Un incremento enorme, che fa il paio con quello già registrato negli ultimo 40 anni, nei quali la popolazione mondiale è addirittura raddoppiata sino ad arrivare agli attuali 6 miliardi e passa. Perdipiù queste esplosioni demografiche si verificheranno in particolare nei paesi più poveri, cioè quelli meno risorse, aggravando i problemi già esistenti. Tanto per fare un esempio, è stato calcolato che per dare da mangiare a tutti sarà necessario raddoppiare la produzione alimentare.



Unica strada per arginare questa crescita della popolazione, secondo l’Unpfa, sta nel migliorare la condizione femminile nei paesi a rischio, quelli dove i diritti delle donne sono davvero al minimo stadio. “La lotta contro la povertà, la tutela dell’ambiente e il riconoscimento dei diritti fondamentali della donna, sono temi strettamente collegati – ha detto Nerina Perea, capo della divisione Unpfa per l’Europa -. In tutto il mondo le donne hanno responsabilità di primaria importanza nell’allevare i figli. Ma dove l’eguaglianza tra i sessi progredisce, si sviluppa di pari passo una maternità consapevole e le famiglie, meno numerose, sono in grado di fronteggiare meglio la povertà”.

Senza ricorrere a metodi drastici come quello del governo cinese, che obbliga a far nascere un solo figlio per famiglia, si può fare molto di più con la prevenzione e l’informazione, soprattutto riguardi ai nuovi metodi contraccettivi. Ogni minuto di ogni giorno su 380 donne che restano incinte nel mondo, 190 sono costrette ad affrontare una gravidanza indesiderata e 100 scelgono di abortire (nel 40 per cento dei casi a rischio della vita. E ogni minuto una donna muore per cause legate alla gravidanza. Per questo è necessario agire. E presto.



Tag:


Presente in:

Cultura - Attualità

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)