Stampe fiori

Moda - Design
collezioni P/E 2013

collezioni P/E 2013
Mentre l´inverno dà i suoi ultimi colpi di coda, tutte noi donne, ormai, abbiamo iniziato con il conto alla rovescia che ci porterà finalmente a respirare un po´ di tiepida aria primaverile. Per il momento, però, mentre fuori ancora piove e nevica, possiamo rifarci gli occhi ammirando fiori e tanto green sulle passerelle di moda che ci propongono le . E già, perché sembra che il leit motiv della stagione calda sia decisamente orientato verso una visione green e ambientalista con la flora a fare bella mostra di sé su abiti e trench. Ma vediamo più nello specifico le migliori proposte stampe fiori per la nuova stagione.

 



Il giardino incantato di Dior

Il giardino incantato di Dior

 


 

La donna di Raf Simons per Dior è una regina di fiori che sembra scappata dal fantastico mondo del giardino incantato. E non parliamo solo di stampe a fiori ma anche dei tagli che sembrano rubati ad un prato fiorito: abiti a corolla lunghi, con corpetti stretti e scuri e gonne gonfie e coloratissime che non possono non ricordarci i tulipani olandesi ma anche tailleur con pantalone rigorosamente nero e giacche tempestate di piccole roselline, stampate o ricamate, come un prezioso roseto ottocentesco. Ma c´è spazio anche per impalpabili abiti di velo con sottoveste con stampe fiori o piccoli trench che nel modello e nei colori i ricordano lo sbocciare della primavera.

 



La donna campestre di Chanel

La donna campestre di Chanel

 


 

Che la donna di Chanel potesse non essere meno che elegante è una delle poche certezze dei nostri tempi. La vera novità è che riesce ad esserlo anche se abbandona le tinte unite e i colori pastello per optare per un´insolita stampa fiori che un po´ stupisce. Karl Lagerfeld questa volta ha voluto esagerare e non ha deluso le aspettative di chi era in attesa di uno dei suoi solito colpi di genio. La sua donna, infatti, che non abbandona le perle neanche per fare la spesa al supermercato, è accompagnata quest´anno da una miriade di fiori che la rendono campestre ma regale come sempre. Semplicemente deliziosi i mini abiti di seta e chiffon che prevedono un doppio strato (sotto stampa a fiori con una particolare predilezione per le piccole rose e le orchidee variopinte e sopra un velo leggerissimo in tinta con il fiore stampato) oppure i trench super colorati tempestati di fiori di campo dalle tinte più accese.  Ma in un certo senso fiorati sono anche i tagli visto che da padrona sulle passerelle la fa la gonna a campana in buona compagnia con colli e maniche a foglia.

 



E gli altri? un po´ di green per tutti

E gli altri? un po´ di green per tutti

 


 

Il tema della stampa fiori ha, in verità, coinvolto un po´ tutti gli stilisti che in misura diversa hanno proposto nelle loro collezioni abiti che ci riportano prepotentemente alla primavera. Se uno dei pezzi forti di Moschino è il trench giallo campo con quadroni stampati con i diversi fiori coloratissimi che si trovano in natura, Louis Vuitton è come sempre più discreto e propone mini cappotti grigi abbinati a borse della stessa fantasia. Su tutto campeggiano fiori stilizzati di un poco discreto giallo che saprà attirare gli sguardi di molti.

 

Cacharel, invece, punta tutto sugli abbinamenti di seta con una particolare preferenza per i completi blusa - gonna. I colori di fondo sono bianco, nero e blu, impreziositi da stampe fiori (anche se un pò ovunque compaiono anche le libellule) che donano colore. 

 

Chi ha il coraggio di osare, invece, è Angelo Marani che propone il total look: tailleur tre pezzi (pantalone, giacca, sottogiacca) totalmente fiorati nei colori fluo su fondo rigorosamente nero. 

 

Antonio Marras, infine, si lega al tema della margherita, fiore apparentemente delicato ma in realtà resistente ad ogni cambiamento climatico, proprio come sono le donne dello stilista, sensibili ma forti come una roccia. E così le margherite fanno bella mostra di sè nei vestiti dai colori delicato ma spuntano anche nei sottogiacca dei tailleur seriosi per il giorno o sui vestiti di velo ed organza per la sera.

 

Ultima nota per la donna giappo-floreale di Jean Paul Gaultier. Lo stilista, che ha scelto di far sfilare prevalentemente donne asiatiche, propone completi gonna o pantalone che ci ricordano lo stile geisha del celebre film Memorie di una geisha. Il colore di fondo è quasi sempre il nero ma a ravvivarlo miriadi di fiori piccoli o grandi che riportano in passerella i colori della natura. E per completare il look bucolico, piccoli cappelli in paglia o cotone per proteggersi dai primi raggi forti del sole e conservare il delicato incarnato di ogni giapponese che si rispetti.



Tag:


Presente in:

Moda - Design

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI
Partecipa anche tu alla discussione *
Elenco articoli in archivio
Selezionare l'anno

(non ci sono ancora articoli in archivio per questa sezione)